Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Prostituzione, 19enne liberata dal suo aguzzino

arrestato un romeno, era un istruttore di palestra

Diciannove anni, un viaggio attraverso l’italia fino a Roma, e poi le botte, la droga e il marciapiede: una storia di prostituzione come tante, ma che stavolta finisce con una ragazza albanese che riesce a uscire dall’incubo e a denunciare il suo sfruttatore.

L’aguzzino è stato arrestato ieri. È un uomo di origine romena, con una doppia vita. Impiegato regolarmente come istruttore di body building e body guard ma insieme coinvolto in un giro di prostituzione. Un fisico imponente, il suo, con il quale minacciava la diciannovenne albanese e le altre ragazze che costringeva al marciapiede. Ma non c’erano solo minacce. "E' stata indotta alla prostituzione anche con botte e assunzione di cocaina, fortunamente la ragazza ha avuto la forza di uscirne fuori", ha spiegato Antonio Di Maggio, comandante VIII gruppo polizia municipale.

La ragazza ha infatti trovato la forza di denunciare il suo aguzzino e ha raccontato agli investigatori il suo viaggio dall’Albania all’Italia. "La 19enne -continua Di Maggio- è arrivata prima a Milano, poi è passata in Liguria ed è venuta a Roma".

L’uomo è stato arrestato proprio mentre intascava dalla giovane albanese una somma di denaro: le sue spiegazioni non hanno retto. In manette è finito pure un altro uomo di origine romena. Le indagini proseguono per risalire alle altre persone coinvolte nel giro di prostituzione. La ragazza, invece, è stata accolta in un centro antiviolenza.

[20-07-2011]

 
Lascia il tuo commento