Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Politica Roma
 
» Prima Pagina » Politica Roma
 
 

Quote rosa: mini rimpasto in giunta

Rosella Sensi possibile nuovo assessore

Una donna in più nella Giunta capitolina per vanificare la sentenza del Tar. Si rincorrono in Campidoglio le voci sul rimpasto per riequilibrare la presenza delle donne, rappresentate al momento da un solo assessore. Secondo quanto si apprende, il sindaco Gianni Alemanno starebbe ancora lavorando per cercare un accordo politico che consenta in extremis di anticipare la sentenza del Tar: il tribunale si è riservato sui due ricorsi in merito al rispetto delle quote rosa nella giunta di Gianni Alemanno. Entro una settimana, i giudici amministrativi pubblicheranno i dispositivi delle sentenze con le quali giudicheranno i ricorsi proposti dai Verdi di Bonelli, dalle consigliere comunali di Roma di Pd e Sel Monica Cirinnà e Maria Gemma Azuni, e dalle consigliere di parità della Provincia di Roma e della Regione Lazio, Francesca Bagni e Alida Castelli, per contestare il mancato rispetto delle quote rosa nella giunta Alemanno. I due ricorsi sono stati discussi davanti alla II sezione del tribunale amministrativo, presieduta da Luigi Tosti, i cui giudici si sono riservati di emettere la loro sentenza.

La sentenza del Tar potrebbe decretare l'azzeramento della giunta capitolina per il mancato rispetto del principio di pari opportunità. Telefonate e incontri si rincorrono per definire quale assessore possa uscire di scena per fare spazio ad un collega donna. Il nome che circola con più insistenza è quello dell'assessore alla Casa, Alfredo Antoniozzi, ma non si esclude neanche l'augelliano Enrico Cavallari. Improbabile appare invece l'addio del vicesindaco Mauro Cutrufo, che in giunta rappresenta la componente democristiana. Quanto ai nomi delle donne che potrebbero subentrare, mentre la presidente dei giovani di Unindustria, Monica Lucarelli, smentisce di essere interessata, si continua a parlare dei possibili ingressi di Beatrice Lorenzin, ex azzurra che potrebbe rappresentare la componente Forza Italia nella sostituzione dell'altro ex azzurro Antoniozzi, ma anche quello di Lavinia Mennuni, che consentirebbe il ritorno nel governo cittadino dei rampelliani. Infine, c'è chi ipotizza l'arrivo di una esterna, come potrebbe essere Jole Cisnetto, il cui nome era stato fatto anche in occasione del precedente rimpasto di giunta.

Nelle ultime ore circola con insistenza il nome di Rosella Sensi, ex presidente dell'As Roma. La notizia, anticipata questa mattina da alcuni quotidiani, viene confermata da fonti del Campidoglio. La decisione verrà presa solo dopo la sentenza del Tar. Ma se i giudici dovessero imporre al sindaco di aumentare il numero delle donne in giunta, è Rosella Sensi il nome che Alemanno vorrebbe. Da parte sua, l'ex presidente della Roma ha dato la disponibilità ad assumere l'incarico di assessore. L'idea è quella di affidarle la delega al Turismo, al momento detenuta dal vicesindaco Mauro Cutrufo, che dovrebbe dunque lasciare la sua carica
 
TAG: giunta
 

[13-07-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE