Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Sale giochi irregolari, 38 persone denunciate

un giocatore d'azzardo su tre č donna

33 agenzie, 11 sale bingo e 47 sale giochi controllate, è il bilancio dei controlli della polizia amministrativa che ha controllato agenzie di raccolta scommesse, sale bingo e sale giochi della capitale e provincia. Tra le strutture controllate c'è anche una sala giochi che offre perfino un servizio di babysitter per le mamme malate d'azzardo. Alla periferia Est, ma ne avrebbe potuto usufruire la madre di 36 anni di Tivoli che per due volte ha lasciato i suoi due gemellini di un anno in auto per giocare al videopoker.

In alcuni casi c'erano anche sportelli bancomat per agevolare i prelievi dei giocatori. Nel territorio controllato, un giocatore d'azzardo su tre è donna, spesso mamma, casalinga o libera professionista. E questo trend è in crescita, visto che con la crisi economica aumenta anche la necessità di guadagnare denaro extra. Quando la passione per il gioco d'azzardo diventa una malattia si parla di ludopatia. La maggior parte degli uomini affetti da ludopatia ha circa 40 anni e si tratta spesso di disoccupati o liberi professionisti. Le donne hanno invece tra i 40 e i 50 anni, spesso sono casalinghe o libere professioniste. Di sicuro, sempre secondo gli esperti, si tratta di un giocatore che alla fine "non può considerarsi vincente, perché spende sempre nel gioco le somme che incassa".

Un giocatore d'azzardo su tre è donna, spesso mamma, casalinga o libera professionista. E questo trend è in crescita, visto che con la crisi economica aumenta anche la necessità di guadagnare denaro extra. Circa 300.000 euro è l'ammontare complessivo delle sanzioni inflitte a seguito dei controlli, durante i quali è stato accertato come all'interno di alcune sale bingo, per indurre al gioco gli 'appassionati', erano stati installati sportelli bancomat per agevolare il prelievo di denaro. In una sala bingo in zona Prenestina c'era anche un servizio di babysitter per i figli dei giocatori. In generale, il 'gettito' prodotto dal gioco d'azzardo è stato in Italia, nel 2010, di 62 miliardi, con un aumento del 20% nei primi mesi del 2011. I luoghi più frequentati dai giocatori sono le sale con macchinette elettroniche come i videopoker e le slot machine, con una percentuale del 68%. Le sale bingo sono preferite dal 3% degli appassionati.


[08-07-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
 
 
 
 
  • I video della notizia