Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Musica
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Musica
 
 

Napoli incontra il mondo a Villa Celimontana

Concerto a due voci con Ottavia Fusco ed Enzo Decaro

Sabato prossimo Villa Celimontana ospita il concerto a due voci "ImagiNaples", con Ottavia Fusco ed Enzo Decaro. Da una sala di registrazione giungono al nostro orecchio  due voci che si intersecano su celebri melodie napoletane ma anche (e ci arrivano impreviste e dolci, simili a raffiche di scirocco o stupefacenti come certi lampi della memoria) altre note che, magari entrando timidamente, prendono con autorità il sopravvento; note lontane nel tempo e nello spazio: origini, tradizioni, sonorità, ritmi a prima vista diversissimi e apparentemente inconciliabili ma che pian piano, riannodando le tracce di una sottile filigrana, finiscono per fondersi in un “unicum” coeso e coerente … Ottavia Fusco ed Enzo Decaro ci fanno scoprire (mentre anche loro stessi lo scoprono con arioso divertimento grazie alla direzione musicale e agli arrangiamenti di Cinzia Gangarella) che, grazie all’universalità della tradizione partenopea, è possibile coniugare felicemente “Imagine” con “Napul’e’”, “Besame mucho” con “Maruzzella”, “Only you” con “Voce ‘e notte”, “ImagiNaples”, insomma: ovvero la canzone internazionale e Napoli che si incontrano sovrapponendosi di continuo in fluide e immaginarie stratificazioni per acquistare, reciprocamente, una fisionomia “altra”.       
                              
La voce di Napoli è coniugabile con le nenie levantine e con il rock, con il jazz e i ritmi sudamericani, con il “confidential” da night-club e la banda domenicale, con il blues e il kabarett mitteleuropeo, con la poesia del più sofisticato chansonnier e la canzonetta festivaliera … Ed è un percorso intricatissimo, un gomitolo impossibile da dipanare, dove, inevitabilmente, le tracce più disparate riconducono allo stesso punto: occorre abbandonarsi, come qui, a ogni più libera associazione, ogni più, stravagante accoppiamento, ritrovando sconcertanti “parentele” che, come tante cartine al tornasole, avvalorano e confermano gli esperimenti più azzardati.         

Meglio dunque affidarsi alle voci di Ottavia Fusco ed Enzo Decaro quali compagni di strada inaspettati e sorprendenti che in questo “concerto a due voci” si rincorrono in una sorta di linguaggio sospeso tra il gramelot e l’esperanto, in un frenetico “giro per il mondo in 80 minuti” dove le tappe, indifferentemente, portano i nomi  di “Bang Bang” e “Terra mia”, “Milord” e “Malafemmena”, “Don’t cry for me Argentina” e “Lacrime Napulitane”, “Goldfinger” e “O’ malamente”, “My way” e “Chiove” … Senza alcuna forzatura o faziosità. Ascoltare per credere. E per innamorarsene. Accanto alla Fusco e Decaro, sul palco troviamo Mario Rivera al basso, Giovanna Famulari al violoncello, Gilberto Pilastri alle percussioni, Claudio Romano alla chitarra, mandola e mandolino, Francesco Consaga ai fiati e Cinzia Gangarella alle tastiere. Il coordinamento artistico è di Riccardo Reim.                                   

[07-07-2011]

 
Lascia il tuo commento