Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Tecnologie
 
» Prima Pagina » Tecnologie
 
 

BeautifulPeople.com

social network riservato ai "belli" della rete

Non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace. Non la pensano cosi gli ideatori di Beautifulpeople.com, un social network esclusivo per i “belli” della rete.  Chi è brutto purtroppo non entra, o meglio non viene accettato. Sì perché sono gli stessi utenti a decidere il vostro ingresso nel social network.

Qualche settimana fa ho provato ad iscrivermi, pensando ovviamente di non essere così brutto da meritare un’esclusione.
Per iscriversi occorre creare un proprio profilo inserendo una serie di informazioni utili per la votazione che determinerà il vostro ingresso. Si richiede:
  • Una o più foto che dimostrino la vostra bellezza.
  • Tutte le info sulle caratteristiche fisiche, peso, colore degli occhi, statura, ect ect.
  • Una descrizione del vostro carattere , del vostro lavoro, dei vostri interessi.
Chi volesse proporre la propria candidatura può farlo cliccando qui.

Una volta creato il profilo, i membri esistenti dell’altro sesso avranno  48 ore per vorare il vostro profilo. I membri possono scegliere tra i seguenti valori di classificazione: 'Decisamente sì', 'Forse sì', 'Forse no' e 'Decisamente no'.  Scaduti i due giorni una mail vi darà il responso finale.

Se avete le qualità per entrare, Beautifulpeople.com vi permetterà  non solo di conoscere ragazzi/e bellissime ma anche si usufruire di alcuni vantaggi: feste esclusive, contatti con società cinematografiche e televisive. 
Questo è quanto afferma Robert Hintze, fondatore del sito, che aggiunge:  "BeautifulPeople.com è governato dal principio che ogni essere umano desidera stare con qualcuno che trova attraente: è la natura umana. Ma solo lasciando entrare persone belle rimuoviamo il primo ostacolo. "La gente ne ha abbastanza di sprecare tempo e denaro incontrando in rete persone poco attraenti.”

Tutto questo può sembrare discriminatorio, e forse un po’ lo è. 
Per la cronaca, io non sono stato ammesso! Beh poco male, mi consolano le note di Pino Daniele …. “ogni scarrafone è bello a mamma soja!”

Per consigli o segnalazioni scrivete a: tecknologie@corriereromano.it

Stefano Soriano
 
 

[06-07-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE