Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Sequestrato Antico Caffè Chigi

sotto sequestro beni per oltre 20 milioni di euro riconducibili all'ndrangheta

Immobili di prestigio, megayacht, società e soprattutto attività commerciali: tra Roma, Ardea e Formello gli agenti della direzione investigativa antimafia stanno sequestrando beni per circa 20 milioni di euro riconducibili alla ‘ndrangheta calabrese del clan Gallico di Palmi, in provincia di Reggio Calabria.

18 le società sequestrate tra cui l’Antico Caffè Chigi, a due passi dalla sede del governo; holding del gruppo la Adonis, i cui modesti redditi cozzavano non poco con le operazioni milionarie effettuate e gli uffici i di prestigio ai Parioli e nel quartiere Coppedé.

Il sequestro è stato disposto dal presidente della III sezione del tribunale Guglielmo Muntoni, su richiesta del procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo e del sostituto Giovanni Bombardieri.

Complesse le indagini patrimoniali, avendo i personaggi coinvolti utilizzato, per occultare i beni, un particolare meccanismo societario denominato trust, che garantisce, oltre a vantaggi fiscali in ambito Ue, il trasferimento della proprietà, consentendo l'anonimato e rendendo così estremamente difficoltoso individuarne l'effettiva titolarità.
 
TAG: mafie - mafia
 

[05-07-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE