Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

The Illusionist

di Neil Burger. Con Edward Norton, Paul Giamatti, Jessica Biel

L'illusionista Eisenheim e la bella Sophie si amano: peccato che lei sia la promessa sposa del futuro Re d’Austria. Nessun problema, basta qualche trucco e la fuga d’amore si farà.

Tratto da un racconto del premio Pulitzer Steven Millhauser, THE ILLUSIONIST, opera seconda del giovane Neil Burger, ha riscosso un discreto interesse in patria, passando anche per alcuni festival tra cui il Sundance. La storia ambientata nella Vienna di fine Ottocento, tra prestigiatori e colpi di scena, ha più di un aspetto in comune con il recente THE PRESTIGE di Nolan, e in America al contrario che da noi il film di Burger è uscito prima.

La confezione è lussuosa con uno stile piuttosto retrò, accompagnato dalle eleganti musiche di Philip Glass, stranamente pacate, e una prova d’attori sulla carta vincente. Burger come Nolan sfrutta una doppia messa in scena che tende ad ingannare e sorprendere sia i personaggi quanto gli spettatori, sfruttando come motore della vicenda una banale storia d’amore. Peccato che i trucchi dell’illusionista Norton sono frutto di comuni effetti digitali, privi di qualsiasi fascino visivo e che a fine film restano senza spiegazione.

Con la più classica delle sequenze rivelatrici, nel finale il regista sembra interessato solo a chiarire il colpo di scena che chiude la storia, una sorpresa fiacca e prevedibile che smaschera definitivamente le incongruenze su cui è costruita la vicenda. Alcuni buoni momenti ci sono, ma i personaggi non hanno alcuno spessore e con un inutile incastro a flash back il film ha un’andatura ripetitiva e senza nessuna magia.

*1/2

Svevo Moltrasio

[15-04-2007]

 
Lascia il tuo commento