Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Ariccia, danneggiata fontana del Bernini

denunciati quattro giovani, individuati grazie alle telecamere

Giovedì notte, verso le 3, alcuni ragazzi hanno gravemente danneggiato la "fontana del principe", una delle due fontane in piazza di Corte, ad Ariccia. Il monumento, datato fine 1600, era stato disegnato dal Bernini. I ragazzi nella notte, probabilmente ubriachi, si sono arrampicati sulla fontana che di schianto ha ceduto.

Le telecamere a circuito chiuso poste nella piazza hanno permesso ai carabinieri di individuare subito gli autori del gesto. Si tratta di quattro giovani della zona, poco più che maggiorenni, uno dei quali è anche rimasto ferito ed è stato trattenuto in osservazione per il resto della notte al pronto soccorso dell'ospedale di Albano ed è stato giudicato guaribile in 15 giorni. Secondo quanto documentato dalle telecamere, due dei ragazzi avrebbero tentato di salire sul pilastro centrale della fontana, finendo con il loro peso per sradicarlo dal basamento. La fontana danneggiata è quella di sinistra guardando il complesso dell'Assunta, detta "Fontana del Popolo". I quattro ragazzi sono stati denunciati a piede libero per aver denunciato la fontana del Bernini. Sono accusati di danneggiamento aggravato in concorso.

SINDACO DI ARICCIA - "E' un gesto grave - ha commentato il sindaco, Emilio Cianfanelli - che oltre al danneggiamento poteva anche portare ad esiti tragici. Il Comune si attiverà immediatamente per restaurare quest'opera così importante per il patrimonio artistico italiano nel più breve tempo possibile. Lancio un appello a tutti i ragazzi a prendere coscienza dell'importanza del rispetto della propria vita e della vita delle comunità nelle quali vivono o nelle quali sono ospiti anche per una sola sera. Il nostro patrimonio artistico e la bellezza del nostro Paese hanno bisogno di persone appassionate che ne riconoscano il valore e sappiano custodirlo e valorizzarlo".

[24-06-2011]

 
Lascia il tuo commento