Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Protesta contro nuove discariche nel Lazio

manifestazione a Palidoro e Pomezia

Dall’Appia all’Aurelia passando per Pomezia: queste le direttrici della protesta contro i piani per le nuove discariche e i disservizi legati alla raccolta dei rifiuti che, col caldo, rendono tutto più difficile e soprattutto irrespirabile.

Proteste agguerrite, determinate, che arrivano in un momento chiave in cui, con la chiusura di Malagrotta, Roma deve necessariamente trovare altri siti dove smaltire i rifiuti di città e hinterland. E i residenti delle aree individuate, ovviamente, non ci stanno e scendono in piazza per dare alla questione una maggiore visibilità. A Pomezia, dove la raccolta dei rifiuti ha subito negli ultimi tempi un complessivo peggioramento, ignoti hanno recapitato sulle scale del municipio alcuni sacchetti della spazzatura per chiarire al sindaco Enrico De Fusco che la situazione non è più sopportabile. Sull’aurelia, all’altezza di torrimpietra, un migliaio di persone hanno bloccato la circolazione con un sit-in di protesta contro l’inceneritore che dovrebbe spuntare nelle vicinanze.

Duemila persone hanno invece bloccato l’Appia per manifestare contro il raddoppio della discarica di Roncigliano e al progetto di un termovalorizzatore. Per gli abitanti del quadrante sud est dell’hinterland romano è stato ovviamente un sabato infernale, costretti dalle manifestazioni a restare per ore fermi. Come fermo, del resto, è il piano rifiuti che in regione, evidentemente, non è una priorità: sebbene sia in cima all’agenda della commissione ambiente, la questione incontrerà serie difficoltà quando approderà in un consiglio dove le divisioni e le tensioni in seno alla maggioranza sono tali che anche le più semplici votazioni non riescono neppure ad avere luogo.

[20-06-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
 
 
 
 
  • I video della notizia