Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Sanita' Roma
 
» Prima Pagina » Sanita' Roma
 
 

Lavoratori del Santa Lucia in protesta, bloccata via Ardeatina

"Gli annunci della regione non hanno più credibilità"

Rischiano di perdere il lavoro con la chiusura di ogni attività del centro per la riabilitazione. 300 persone tra operatori e pazienti del Santa Lucia, hanno organizzato un sit-in lungo via Ardeatina, all'altezza del civico 306, davanti alla sede dell'ospedale. La protesta è terminata verso mezzogiorno, dopo che per alcune ore operatori e pazienti avevano bloccato il traffico sulla via Ardeatina chiedendo delle risposte alla Regione Lazio sulla vertenza che ha coinvolto l'azienda.

I lavoratori protestano contro gli accordi -dicono- non mantenuti dalla Regione Lazio e i tagli alla sanità. ''Abbiamo bloccato via Ardeatina - ha spiegato Serena Malta, componente del coordinamento 'Salviamo l'ospedale Santa Lucia' - dopo che tutti gli incontri con la Regione Lazio sono andati male. Siamo stanchi''.

“Ormai gli annunci della Regione Lazio non hanno più credibilità. Terremo in conto solo i fatti concreti, se mai arriveranno in tempo utile per scongiurare la chiusura". Fanno sapere dalla Direzione dell’IRCCS Fondazione Santa Lucia replicando alla nota emessa dalla Regione Lazio. Dai vertici della Fondazione "si rimarca, infatti, che anche gli ulteriori incontri, tenutosi negli ultimi due giorni, si sono conclusi senza alcun progresso concreto. Il versamento di 6,4 milioni di euro che l’Assessorato alla Salute della Regione ha annunciato 'come anticipo sugli acconti mensili' è un atto dovuto, non rientra negli accordi verbalizzati il 7 aprile e il 25 maggio scorso e, se arriverà in tempo, riuscirà a coprire – viene sottolineato ancora una volta - solo il 60% dei costi sopportati dalla Fondazione per erogare le sue prestazioni in convenzione. Così il disavanzo di bilancio dell’Istituto e il pregresso dovuto dalla Regione aumenteranno ancora di più. E’ invece scomparso nel nulla il versamento 4,2 milioni di euro previsto negli impegni precedentemente sottoscritti. In definitiva, per i vertici dell’Istituto si tratta di un gioco delle tre carte. Aggravato dal mancato pagamento da parte della Regione di oltre 6 milioni di euro dovuti alla Santa Lucia a seguito di due decreti ingiuntivi del Tribunale Civile, definitivamente esecutivi".

“Se non fossimo in una situazione drammatica – commenta il Direttore Generale della Fondazione, Luigi Amadio - verrebbe da sorridere al nuovo annuncio dell'Assessorato alla Salute che classifica l’impegno della Regione come l'azione più concreta che la Regione abbia fatto negli ultimi cinque anni verso la Santa Lucia".

REPLICA DELLA POLVERINI - "È necessario che i dirigenti e gli amministratori del S. Lucia parlino con i lavoratori e con le famiglie, perchè se noi raggiungiamo un'intesa con loro, rispettiamo gli accordi, poi chiaramente la gestione dei rapporti spetta a loro". Ha detto la presidente della Regione Lazio Renata Polverini riguardo alle proteste del comitato Santa Lucia che oggi ha bloccato l'Ardeatina.

L'ANNUNCIO DELLA REGIONE - "La prossima settimana - spiega la nota dell'assessorato alla Salute della Regione - verrà avviato un tavolo permanente con la fondazione Santa Lucia per analizzare i problemi relativi alla configurazione della struttura, alle modalità di remunerazione e analizzare il contenzioso in essere. Contestualmente la Regione attiverà una commissione tecnica sulla riabilitazione che vedrà coinvolti i tecnici regionali, quelli dell'Asp ed esperti nazionali per affrontare le problematiche inerenti gli assetti riabilitativi della Regione. Come rappresentato ieri al comitato 'Salviamo il Santa Lucià e ai rappresentanti della Fondazione - continua la nota - qualsiasi ipotesi di soluzione dei problemi del Santa Lucia deve necessariamente passare attraverso un percorso istituzionale corretto che garantisca il rispetto delle regole le quali, ricordiamo, valgono per tutte le strutture sanitarie della Regione nella stessa misura. Ci sembra che gli impegni presi in questi giorni dall'Assessorato alla salute - conclude - relativamente a questa specifica vicenda siano l'azione più concreta che la Regione abbia fatto negli ultimi 5 anni verso il Santa Lucia".
 
 

[17-06-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE