Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Permessi per disabili

tempi duri per i 'furbetti'

Tempi duri per i furbetti che si appropriano dei permessi speciali per invalidi al fine di entrare nella Ztl o parcheggiare sotto casa. Dopo le centinaia di casi di contrassegni intestati a persone decedute il Comune ha deciso per un vero e proprio giro di vite.

Il provvedimento è stato approvato dalla Giunta. Con una lettera il segretario generale del Campidoglio chiede al comandante della Polizia Municipale di impartire ai gruppi le opportune disposizioni per garantire la vigilanza sull’ applicazione delle norme previste nel nuovo regolamento approvato il 19 febbraio scorso.

Ogni 15 giorni gli assessorati alla mobilità dovranno ricevere un rapporto relativo alle contravvenzioni effettuate con tanto di verbali distinti per tipologia di violazione. Molte le novità stabilite dal consiglio comunale. Il campidoglio controllerà con scadenza annuale se il titolare di permesso sia ancora in vita, in caso contrario scatta l’obbligo entro un mese di restituire il contrassegno. Massima attenzione anche per i titoli provvisori. Chi abbia bisogno di accompagnare un disabile all’interno della zona a traffico limitato con un auto diversa da quella con il permesso di circolazione dovrà comunicare la propria targa all’Atac o al centralino comunale allo 060606.

I controlli della municipale saranno particolarmente serrati, ha fatto sapere la vicecomandante donatella scafati , che ha annunciato inoltre la presenza di posti di blocco. Regole ferree anche per i parcheggi, concessi solo in casi di invalidità grave a chi sia in possesso della patente di categoria speciale, non abbia a disposizione un altro posto auto e guidi una macchina con i comandi adattati. Una commissione speciale, che per il momento non è stata ancora costituita, valuterà i casi particolari. Soddisfatta la delegata del sindaco per i problemi dell’handicap ileana argenitin “niente caccia alle streghe - ha detto - ma ci si batterà perché la sosta sia un diritto e non un privilegio.

[12-04-2007]

 
Lascia il tuo commento