Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Lite per un debito, 47enne ucciso con un crick

l'ombra dell'usura nell'omicidio del Tiburtino

Sembrava una lite per viabilità, in realtà all'origine dell'omicidio di un uomo di 47 anni a Roma c'è l'ombra dell'usura. La vittima infatti aveva prestato soldi al suo assassino che gli era debitore. E' successo in via Recanati, nella zona del Tiburtino. Un uomo di 47 anni è stato ucciso davanti agli occhi del figlio, probabilmente colpito con un colpo alla testa inferto con un bloccasterzo.

L'uomo è stato ucciso dopo esser intervenuto per placare gli animi e sedare una colluttazione nata tra il conducente di un'auto ed il figlio. È sceso dall'auto ha tentato di difendere il figlio ma è stato colpito alla testa con violenza dal conducente dell'auto.

Ai carabinieri del Nucleo investigativo, il ragazzo ha raccontato che il padre era stato ucciso dopo una lite stradale. "Eravamo in macchina e ci siamo quasi scontrati con una Golf a via del Casale di San Basilio" questa la versione del giovane. "Nell'auto c'erano due giovani che sono scesi e hanno cominciato a picchiarmi. Mio padre ha cercato di difendermi ma uno dei due lo ha colpito alla testa con un bloccasterzo".

LITE PER UN DEBITO - Ma il ragazzo durante l'interrogatorio sembrava titubante, i militari hanno così raccolta la versione completa: la ricostruzione dell'omicidio è arrivata dopo la testimonianza del figlio della vittima, 19 anni, che ha assistito al delitto. Aveva prima parlato di una lite per viabilità poi ha raccontato la verità. Il padre, 47 anni, già noto alle forze dell'ordine, avrebbe atteso il debitore sotto casa. Gli avrebbe ricordato la somma da restituire e ne sarebbe nata una lite. Il debitore si sarebbe allontanato in auto ma l'uomo e il figlio lo hanno inseguito fino all'incrocio tra via Casale di San Basilio e via Recanati. Hanno affiancato l'auto del debitore intimandogli di fermarsi. Sono volate parole grosse. Poi lo hanno speronato. L'uomo è sceso dall'auto e la lite è degenerata in una colluttazione fatale.

Ora l'assassino è ricercato; dopo avere colpito mortalmente il 47enne alla testa infatti è fuggito a bordo di un'auto nera. Ma la sua fuga avrebbe le ore contate. La vittima è stato soccorso dal personale del 118 ed è stata caricata su un'ambulanza ma l'uomo è morto durante il trasporto all'ospedale Sandro Pertini. Nello stesso ospedale è stato medicato il figlio che portava i segni della colluttazione.

TRE OMICIDI IN 24 ORE - Questo è il terzo omicidio a Roma nell'arco di 24 ore. Dopo l'assassinio di un anziano ebreo accoltellato nell'androne del palazzo in via Lanciani lunedì sera e, nella mattinata di martedì, l'uccisone di un'anziana, a Tor Sapienza, per mano del giovane nipote.
 
 

[14-06-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE