Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Bilancio dell'Europride

dodici giorni di eventi, da piazza Vittorio al Circo Massimo

Dodici giorni nel cuore della città, da oggi Piazza Vittorio torna alla sua stravagante normalità: via gli stand che hanno portato la realtà omosessuale targata Europa al centro della vita romana. E la capitale, almeno per questa volta, è stata promossa in tema di rispetto e accoglienza.

Tanto che persino i vertici del comitato Europride hanno dovuto applaudire anche le istituzioni che hanno permesso che un sogno diventasse realtà. Il sogno di vedere oltre mezzo milione di persone in festa, senza pregiudizi da una parte, senza dannose ostentazioni dall’altra.

Un grande carnevale gioioso in nome dei diritti e dell’uguaglianza. Il corteo che sabato ha sfilato tra i palazzi, con le signore affacciate alle finestre, e davanti ai fasti dell’antico impero con un Colosseo e un cielo azzurro da cartolina, ha dimostrato che non c’era solo il popolo Glbt a voler rivendicare, con cori e canti anche un po’ sfacciati, i propri diritti. C’era Roma, la sua gente, tanti turisti, genitori con bambini per mano, coppie anziane divertite a lato della strada, fidanzati etero e un paio di sposini capitati un po’ per caso nella bolgia colorata di piume e pailettes.

Quaranta carri
da piazza della Repubblica al Circo Massimo, dove l’orgoglio gay-lesbo-bisex-transgender ha raggiunto il culmine con il discorso-sermone dell’icona per eccellenza. Quella Lady Gaga che, in abito Versace, baschetto color verde, labbra rosse e carnagione di cera, dopo aver confessato le sue origini italiane, ha letteralmente infiammato l’antico Circo intonando al pianoforte “Born this way”.

video da Agenzia Vista Tv
 
 

[13-06-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE
 
 
 
 
 
 
 
  • I video della notizia
  • "Nichi Vendola all'Europride"
 
 
  CORRELATE