Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Giardinetti, problema sicurezza

le proposte del mninisindaco Scorzoni

A tre anni dall’omicidio di Maurizio Notargiacomo, il tabaccaio freddato il 16 aprile nel corso di una rapina avvenuta nel suo negozio, il problema della sicurezza a giardinetti e’ ancora in primo piano. In un incontro tra il sindaco Veltroni e il presidente dell’ottavo municipio, Fabrizio Scorzoni. Il minisindaco ha chiesto al Campidoglio la creazione di un centro di aggregazione giovanile, la messa in sicurezza di alcune strade e lo spostamento del Sert, il servizio di assistenza e recupero dei tossicodipendenti.

Sono alcune delle richieste avanzate gia’ tre anni fa, all’indomani dell’omicidio, di Maurizio Notargiacomo. Quella mattina del 16 aprile , dopo aver alzato come ogni mattina la saracinesca della sua tabaccheria, il tabaccaio 43enne si trova di fronte un giovane con il volto coperto da un casco. Il ragazzo gli intima di consegnargli quello che ha nel portafogli e in cassa.

Notargiacomo si oppone, tra i due scoppia una lite. Inizia la colluttazione. L’aggressore estrae una pistola calibro 7.65 e spara un colpo uccidendo il negoziante.

Dopo una breve caccia all’uomo, grazie anche alla collaborazione dei residenti, viene arrestato e condannato un tossicodipendente, gia’ pregiudicato. L’omicidio suscito’ il dibattito sulla sicurezza in tutta la citta’, un tema che sembra tornato piu’ che mai di attualita’ . A giardinetti e’ proprio una associazione intitolata al tabaccaio ucciso che si sta impegnando tenere alta l’attenzione delle istituzioni sui problemi del quartiere

 
 

[11-04-2007]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE