Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Atletico Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Atletico Roma
 
 

L'Atletico Roma d l'addio al Flaminio

La squadra biancoblu giocher d'ora in poi al "Manlio Scopigno" di Rieti

Quella che sembrava solo un'indiscrezione è divenuta una realtà. L'Atletico Roma non giocherà più allo stadio Flaminio di Roma. Un fulmine a ciel sereno che ha colpito i sostenitori della squadra capitolina ormai in procinto di assistere nella capitale alla tanto sognata partita valevole per la promozione in serie B. 
L'Atletico giocherà quindi al "Manlio Scopigno" di Rieti. Ad annunciare questo accordo un comunicato stampa apparso sul sito della città reatina: 

<<L’Atletico Roma, militante attualmente nella Lega Pro Prima Divisione, disputerà il campionato di calcio 2011/2012 nello stadio Centro d’Italia "Manlio Scopigno". Questo l’importante accordo raggiunto dall’assessore allo Sport, Marzio Leoncini che nella scorsa giornata ha incontrato il presidente dell’Atletico Roma, Mario Ciaccia e il direttore generale del club capitolino, Massimo Corinaldesi. Grazie ai reciproci rapporti di stima e in virtù dell’eccellente dotazione impiantistica dello stadio, dell’ottima condizione manutentiva del manto erboso nonché la recente messa a norma con sistemi di sicurezza per il controllo degli accessi, è stato possibile raggiungere l’importante accordo per la prossima stagione agonistica. Tra l’altro, qualora l’Atletico Roma vincesse la finale playoff contro la Juve Stabia, la cui gara di andata è in programma domenica prossima 12 giugno sul terreno campano (ritorno probabilmente a Rieti la domenica successiva, 19 Giugno), il capoluogo sabino avrebbe la possibilità di ospitare un campionato di serie B che nella prossima stagione vedrebbe in campo molte squadre blasonate, tra le quali Sampdoria, Bari, Brescia, Vicenza, Reggina e Torino. "Sono estremamente soddisfatto per il conseguimento di questo accordo - spiega l’assessore Leoncini - che porterà nella nostra città una squadra professionistica ed è indubbio, in caso di promozione al termine della finale playoff, che l’attestazione di un campionato di serie B a Rieti sarebbe un forte traino per il rilancio del calcio locale e la promozione del territorio in termini di immagine, presenze turistiche e visibilità">>.

Vincenzo Samà
 
 

[07-06-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE