Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Finanziamenti alle periferie, Action occupa sede assessorato

l'assessore Ghera "attivare procedure nel minor tempo possibile"

Si è conclusa soltanto nel tardo pomeriggio di martedì la protesta di Action davanti agli uffici dell’assessorato capitolino ai Lavori Pubblici in via Petroselli. La manifestazione improvvisata era iniziata in mattinata con un blitz degli attivisti sulle scale e nell’androne degli uffici di via Petroselli per chiedere "la proroga dei finanziamenti, circa 50 milioni di euro, per la riqualificazioni di alcuni progetti sociali delle periferie".

“Siamo riusciti a ottenere un appuntamento per la prossima settimana con gli assessori Ghera, Malcotti e Cetica – ha spiegato Bartolo Mancuso di Action – quello che chiederemo è di prorogare la scadenza del finanziamento regionale, previsto finora per luglio prossimo, a ottobre. Siamo soddisfatti perché abbiamo impedito che la regione Lazio utilizzasse quei fondi per coprire i buchi di bilancio invece di utilizzarli per ristrutturare spazi sociali fondamentali per i cittadini delle periferie”.

I manifestanti hanno denunciato la scarsa attenzione della giunta capitolina ai problemi delle periferie, secondo i militanti di Action - a causa di mere ragioni politiche. "Quella che denunciamo - continua Bartolo Mancuso di Action - è la volontà della maggioranza capitolina di centrodestra di apportare progetti di riqualificazione importanti per le periferie soltanto perché approvati e finanziati da giunte di diverso colore politico".

ALZETTA - Il consigliere dell'Assemblea Capitolina di Action Andrea Alzetta ha voluto precisare che “L’amministrazione comunale sta bloccando opere pubbliche da realizzare nelle periferie per un valore di circa 50 milioni di euro. Si tratta di opere di riqualificazione, recupero e realizzazione di manufatti da destinare a servizi pubblici e attività sociali. Asili nido, centri culturali, centri sportivi, impianti fotovoltaici, tutte opere localizzate in quartieri periferici (Cinecittà, Quadraro, Infernetto, Prenestino, Corviale, ad esempio) che darebbero ossigeno a periferie abbandonate".

L'ALLARME DEI MUNICIPI - L'allarme sulle scarse risorse arriva anche dai municipi. “Il Sindaco Alemanno, nel tentativo di giustificare la paralisi gestionale della macchina capitolina - ha detto Andrea Catarci, Presidente del Municipio Roma XI - ha ripetutamente accusato di inefficienza i Municipi. La realtà è ben diversa: gli Enti Territoriali vedono i finanziamenti tagliati e sottratti e la Giunta Alemanno getta al vento risorse già acquisite"

“Spero che l’assessore Ghera sia finalmente uscito dallo stato di catalessi nel quale vegeta ormai da tempo -ha detto il presidente del X Municipio Sandro Medici- e non ostacoli più la realizzazione delle tante opere sociali e culturali finanziate dalla Regione, quando ad amministrarla c’erano persone di qualità”.

LA REPLICA DEL CAMPIDOGLIO - "In relazione alle opere previste dal Programma Quartieri Svantaggiati e finanziate dalla Regione Lazio -spiega in una nota l'assessore ai Lavori pubblici e Periferie di Roma Capitale, Fabrizio Ghera - si precisa che 15 milioni di euro sono di competenza dei municipi e 35 milioni del Dipartimento Periferie. Su mia richiesta – prosegue l’Assessore capitolino - il sindaco Alemanno e gli uffici preposti si sono adoperati per chiedere la possibilità di impegnare i fondi e di attivare le procedure nel minor tempo possibile. L’Amministrazione capitolina - conclude Ghera - è stata decisamente solerte affinché i fondi venissero assegnati per tali opere, a prescindere dalle richieste dei manifestanti di Action probabilmente non a conoscenza del lavoro svolto dall’amministrazione".

[07-06-2011]

 
Lascia il tuo commento