Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

La storia di Elena, 22enne bulgara schiava in Italia

arrestato il suo aguzzino, un 42enne

Ancora una storia di violenza in cui è protagonista una giovane donna. Il suo nome di fantasia è Elena ma purtroppo la sua storia è vera. 22 anni e la voglia di un futuro migliore, lontano dal suo paese. Elena coglie la possibilità di essere ospitata da un vecchio amico che ha fatto fortuna in Italia. E cosi’ un anno fa la giovane lascia la Bulgaria e viene accolta a Colleferro. Ma le cose non vanno come aveva creduto. L'uomo che la ospita si trasforma nel suo peggior nemico, nel suo aguzzino. Minacce, botte, l'uomo la costringe alla vita di marciapiede, a prostituirsi per l'intera giornata.

La donna nel mese di dicembre rimane incinta e viene minacciata più volte dal suo aguzzino perché non può più prostituirsi con la stessa frequenza e gli incassi diminuiscono. "Quando partorisci ammazzo il bambino", minaccia l'uomo che la tiene in schiavitù. Ma lei, dopo un anno di soprusi, riesce a scappare, arriva a Roma e contatta un altro bulgaro, un altro vecchio conoscente che lavora alla Caritas. Qui trova protezione e nel frattempo un’altra persona, che conosce la sua storia terribile, cerca di autarla e racconta tutto al commissariato Viminale.

I poliziotti la contattano, verificano i suoi racconti. Poi individuano ed arrestano il 42 enne. Il suo aguzzino finisce così finalmente in manette ma i tanti uomini che hanno goduto del suo corpo sfruttando il suo stato di schiavitù, anche col pancione, l'hanno fatta franca. Ora Elena, alla 29esima settimana di gravidanza, è assistita dai servizi sociali, con tanto orrore da dimenticare.

[01-06-2011]

 
Lascia il tuo commento