Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Politica Roma
 
» Prima Pagina » Politica Roma
 
 

Ballottaggi nel Lazio, Pdl alla resa dei conti

Alemanno: "Serve congresso nazionale"

A 24 ore dai ballottaggi il Pdl è alla resa dei conti. Il derby laziale che a Sora e Terracina ha decretato la sconfitta della lista Città Nuove, vicina alla Polverini, potrebbe riservare nelle prossime ore riassestamenti o scenari inediti. I primi segnali di una svolta si sarebbero potuti vedere nel Consiglio regionale previsto per il primo giugno e rimandato alla prossima settimana.

Appuntamento quindi al 9 giugno, quando l’opposizione presenterà una mozione di sfiducia nei confronti dell’operato della giunta Polverini alla riapertura dei lavori dei lavori. La decisione è stata presa al termine della riunione dei capigruppo di minoranza questa mattina alla Pisana. Il testo sarà firmato da Pd, Idv, Sel Federazione Sinistra, Lista Bonino-Pannella, Verdi e Socialisti. E un’altra mozione è attesa anche dal leader della Destra Francesco Storace, che ha puntato il dito contro il sindaco Alemanno, colpevole di aver appoggiato il candidato della Poverini a Terracina.

La scissione nei due comuni laziali ha innescato dunque una reazione a catena in cui si inserisce anche il deputato Pdl Fabio Rampelli, in aperto contrasto proprio con Alemanno. “Un’inutile mortificazione degli elettori”, accusa Rampelli, che avverte: “Da oggi chi ci vuole al suo fianco deve rispettarci”.

ALEMANNO - "Serve un congresso". Dopo il risultato delle amministrative il Pdl deve ripartire "da un vero congresso nazionale, che riaggreghi tutte le forze che si sono separate dal partito in questi anni". Alemanno sottolinea la necessità di parlare alle "molte schegge che si sono distaccate" dal Pdl, per "ridare centralità al partito" Cambiare nome al Pdl, dopo la sconfitta elettorale? "Ci si stavo pensando già prima delle amministrative e credo possa essere uno strumento importante, quasi obbligatorio, perchè il Pdl è ancora condizionato anche dal rapporto che c'era tra Berlusconi e Fini. Ma più che ai nomi - aggiunge Alemanno - bisogna guardare alla sostanza, cioè ad un forte radicamento sul territorio e tra la gente".
 
 

[31-05-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE