Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Il braccialetto della discoridia

voluto dai vigili urbani per identificare gli ambulanti. Critica l'opposizione capitolina

Ecco le fascette della discordia, bianche e da applicare al polso. Servono, secondo i vigili non a identificare l’ambulante abusivo, ma a collegare l’ambulante alla merce sequestrata. Una pratica, sottolineano alla municipale, alla quale tutti i fermati hanno aderito volontariamente. 

Di diverso avviso l’opposizione in Campidoglio e la Cgil, secondo i quali l’operazione della municipale di martedì scorso a piazza di Spagna è paragonabile ai rastrellamenti degli anni ’30, gli anni cioè che videro l’ascesa di nazismo e fascimo.

Il sindaco Alemanno ribatte accusando chi critica di strumentalizzazione vergognosa. Fatto sta che martedì scorso 120 agenti della municipale, impegnati per ore, hanno fermato 64 persone, ma senza nessuna conseguenza nei confronti di chi fornisce la merce agli abusivi, gestendone il business.

Forse un bilancio un po’ magro per una operazione annunciata in grande stile e applaudita solo dai commercianti della zona: si potrebbe dire che la crisi spinge alla guerra tra poveri, anche se poveri i commercianti della zona di piazza di Spagna proprio non si possono definire.  

[26-05-2011]

 
Lascia il tuo commento