Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Il futuro dell'area dell'ex Velodromo

Eur Spa propone spostamento caserma dei Vigili del Fuoco e la costruzione di quattro palazzine residenziali

Il quartiere dell’Eur che cambia; tra grandi opere e nuove aree residenziali. Nonostante sia svanito il progetto del Gp di Formula 1 che avrebbe modificato questo quadrante sud della città, l’Eur continua a rinnovarsi; dall’acquario sotto al laghetto dell’Eur che aprirà entro un anno, alla nuvola di Fuksas in costruzione. Ci sono, però, ancora dei cantieri che dovranno aprire. In particolare, l’ad di Eur Spa Riccardo Mancini ha spiegato il futuro dell’area dell’ex Velodromo, in via dell’Oceano Pacifico. Il vecchio stadio del ciclismo, da anni inutilizzato, era stato abbattuto nel luglio del 2008 e oggi, a distanza di tre anni, al suo posto è rimasta solo una grande buca recintata.

L’Eur Spa ha da poco cambiato l’accordo di programma; la caserma dei vigili del fuoco di via Vivona traslochera’ proprio nell’area dell’ex Velodromo. Non solo, l’Eur Spa prevede la costruzione di almeno 4 palazzine.

"Abbiamo necessità di fare degli utili per chiudere e finire il nuovo centro Congressi (Nuvola di Fuksas). Quindi abbiamo impostato un accordo di programma -ha detto l'ad di Eur Spa Riccardo Mancini- che prevede la realizzazione di due ettari di parco pubblico, lo spostamento della caserma dei Vigili del Fuoco da piazza Vivona a via dell'Oceano Pacifico. Dove c'è ora la caserma in piazza Vivona faremo invece una scuola media. Abbiamo chiesto poi di fare quattro palazzine di quattro piani all'interno del sito storico dell'ex Velodromo. Dalla vendita degli immobili spero Eur Spa possa ricavare, come margine operativo lordo, almeno 50 -60 milioni di euro. Se il Comune di Roma -conclude Mancini- dà la delibera di indirizzo al sindaco, che è stata fatta 10 giorni fa e chiude l'operazione con la convenzione che riguarda il Velodromo, nel 2013 iniziamo i lavori".

 
 

[26-05-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE