Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
A tutto gas
 
» Prima Pagina » Sport Roma » A tutto gas
 
 

Delusione Ferrari, il primo a pagare Aldo Costa

Il padre della Ferrari 150 Italia rimosso dall'incarico di direttore tecnico

Dopo cinque gare al di sotto delle aspettative la Ferrari decide di cambiare rotta. A farne le spese è Aldo Costa, ormai ex direttore tecnico.

A seguito di questa decisione la Rossa ha deciso di dar vita a tre aree per le attività tecniche: Autotelaio, affidata a Pat Fry, Produzione, sotto la responsabilità di Corrado Lanzone, e Motori ed Elettronica, che resta a Luca Marmorini. Tutti e tre rispondono direttamente al Team Principal Stefano Domenicali.Aldo Costa comunque continuerà a lavorare in Ferrari assumendo nuove responsabilità all'interno dell'azienda.

Costa ha mosso i suoi primi passi in Formula 1 come capo progettista della Minardi nel 1988. Nella scuderia faentina l'ingegnere ha rivestito diversi incarichi: addetto ai calcoli strutturali fino al 1989, responsabile del progetto della vettura fino al 1991 e direttore tecnico. Dopo essere arrivato a Maranello nel 1996 Costa è diventato responsabile della progettazione autotelaio nell'ambito della Gestione Sportiva e nel 1998 viene nominato assistente del capo progettista Rory Byrne, al quale è succeduto nel 2004. Nel 2006 viene nominato capo della Direzione Autotelaio. Dall' 1 gennaio 2008 è diventato il nuovo direttore tecnico della casa di Maranello, incarico mantenuto fino a ieri.

Queste le dichiarazioni di Alonso al suo arrivo nella città monegasca: "È una decisione presa per il meglio e sono fiducioso per il futuro. Dopo cinque gare non è tutto perso e non possiamo pensare di abbandonare il campionato, ma dobbiamo tornare ad essere subito competitivi".  



Vincenzo Samà 
 
 

[25-05-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE