Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

In quattro per la panchina della Roma

Pioli il favorito. E intanto Zeman fa sapere di non voler tornare nella capitale

Sarà un'estate calda per la nuova società giallorossa. Tanti i nodi da sciogliere ma quello fondamentale riguarda il posto da allenatore. Molto probabilmente non sarà Vincenzo Montella, lontano dalla riconferma, corteggiato da Lecce e Catania. Al momento le principali candidature sembrerebbero quattro.

Quello che appare più lontano, alla luce anche del successo in Europa League, è il portoghese Villas Boas. Lo special-two pare abbia intenzione di proseguire almeno per un altro anno al Porto per tentare l'impresa che riuscì al suo più illustre predecessore(Josè Mourinho), ovvero vincere la Champions. 

Didier Deschamps
non rappresenta solo un'idea. Il tecnico francese è stato infatti contattato dalla nuova dirigenza giallorossa per testare la sua disponibilità e volontà di venire a Roma.  Il tecnico in Francia è dato a un passo dal divorzio col Marsiglia e avrebbe il vantaggio di conoscere bene lingua e campionato avendo giocato per anni con la maglia della Juventus. Con Deschamps rimarrebbe anche Menez, i due hanno infatti anche lo stesso procuratore.

In lizza ci sarebbe anche Stefano Pioli, attuale tecnico del Chievo in scadenza a fine campionato. "Un mio passaggio alla Roma? Non c'è molto da dire. Per ora sono solo voci. Aspettiamo la prossima settimana - ha spiegato Pioli al sito LaRoma24.it - Col Chievo abbiamo un incontro per l'appunto la prossima settimana, quando la stagione ufficiale sarà terminata. Certo, è un grande onore essere accostato ad un club così prestigioso. Non può che farmi piacere, ma è meglio ripetere che non c'è nulla di concreto al momento". Pioli però non ha smentito contatti con la nuova dirigenza della Roma e anzi, secondo radiomercato, avrebbe già fissato in agenda un incontro con Sabatini. 
Ed è di pochi minuti fa la notizia del primo incontro del tecnico del Chievo con Walter Sabatini. Soddisfatto l'allenatore clivense: E' stato un appuntamento positivo, utile per conoscerci e per capire come intendo il calcio - ha detto l'allenatore del Chievo -. Ci aggiorneremo settimana prossima". poi ha proseguito: "Fa molto piacere il fatto che il mio avoro venga apprezzato, che una società come la Roma abbia pensato a me. L'incontro con Sabatini è stato positivo, ora aspettiamo - ha dichiarato Pioli a TeleRadioStereo subito dopo l'incontro -. E' stato un appuntamento utile per conoscerci, per capire come intendo io il calcio".
Prossimo appuntamto la settimana prossima, dopo che il tecnico parlerà con la dirigenza del Chievo: "Con Sabatini ci aggiorneremo la prossima settimana, quando avrò incontrato anche la proprietà del Chievo - spiega Pioli -. Il mio contratto è in scadenza, c'è l'opzione per la prossima stagione, parlerò con il mio club e poi sentirò di nuovo Sabatini".

L'ultimo nome è quello di Manuel Pellegrini. L'allenatore del Malaga ha traghettato la squadra fuori dalle acque della retrocessione grazie ad uno splendido finale di stagione ed ha attirato su di sé le attenzioni di Franco Baldini. Contattato in esclusiva da Calciomercato.it, l'agente del tecnico cileno, Jesus Martinez, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni. "Pellegrini ha ancora due anni di contratto, mi chiamano molti intermediari, ma mai nessuno mi ha parlato della Roma a livello ufficiale. Il progetto della nuova proprietà del Malaga è molto ambizioso, vuole porsi subito dietro Barcellona e Real Madrid e Manuel è un punto cardine di questo progetto. Se in futuro gli piacerebbe l'Italia? Allenare una grande italiana è un obiettivo di tutti gli allenatori, ma il suo futuro è legato al Malaga per i prossimi anni".

Intanto Zdenek Zeman, quest'anno al Foggia, esclude un suo possibile ritorno in veste di responsabile del settore giovanile: "Qui a Foggia sto allenando 12 giocatori usciti dalla Primavera, quindi l'ho già fatto. Però per il momento mi piacerebbe allenare ancora un po' da tecnico di prima squadra". Insomma fanno piacere a Zeman queste voci che lo legano ancora alla squadra giallorossa: "Mi fa molto piacere che qualcuno pensa ancora a me, anche se sono 13 anni che manco da Roma. La Roma non l'ha mai rifiutata nessuno anche se ora ci sono tanti allenatori che si propongono". Il boemo ha anche recentemente rifiutato le avances del Bari di Matarrese che gli offriva una panchina in B. Zeman ha preferito restare a Foggia per tantare l'assalto alla serie cadetta.

Vincenzo Samà 
 
 
 
 

[19-05-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE