Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Slam dunk
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Slam dunk
 
 

Roma fa sua la gara ma non il suo destino

Ribaltata la differenza canestri con i felsinei, merito di un secondo tempo di elevata intensità. Le chances playoff restano peṛ appese ai risultati altrui.

Virtus Lottomatica Roma 80 - Canadian Solar Bologna 69

Roma fa il suo dovere al termine di una partita che regala poche emozioni, nessuna se consideriamo il solo primo tempo.

Per fortuna poi ci pensa il "ragno" Smith con 3 triple consecutive (18 punti al termine per l'americano che resterà però in panca a guardare per quasi tutto l'ultimo quarto) a scaldare il gelido pubblico del palazzo, ancora una volta pieno solo per metà nonostante i plurimi richiami a corte e visti i risultati deludenti di stagione.

La Virtus riesce così a risucchiare terreno ad una Canadian Solar che sembrava sul punto di scappare ma ne era incapace, merito del solito baluardo Dasic, di un pazzo quanto energico Washington e dell'ormai bandiera di casa Alì Traorè.
Una menzione a parte la meritano Gigi Datome (16p e 6 rimbalzi), a lui davvero interessa il bene della maglia, lo si vede come cavalca il campo anche se rischia parecchio con tre falli sulla schiena, ma alla fine è decisivo. E soprattutto Luca Vitali che pescato dal fondo della panchina da un allenatore quantomai in confusione ristabilisce la metronomìa da vero playmaker a suon di assist illuminanti e triple risolutrici .

Gli uomini di Filipposchi azzeccano 3 giocate consecutive che bastano a scavare un solco su questa inconsistente Bologna guidata dal "vate" di Rieti Lino Lardo. Chiude così la partita con autorevolezza riprendendosi il maltolto dell'andata al Futur Show.

Si sarebbe potuto festeggiare il traguardo post-season, però con un ruolino di marcia di sconfitte infinite lontano dall'Eur appare difficile ambire a meritare i playoff. Siena (con cui la Virtus giocherà l'ultima di campionato) dal canto suo storicamente non perde occasione per fare lo sgambetto all'acerrima nemica di sempre che è la Virtus dell'urbe, lasciandosi superare da Sassari e lanciando così i sardi in pole position per l'ottavo posto.

A meno che non si sia aperta una piccola crisi toscana post final four che faccia tornare un sorriso inaspettato alle trasferte romane.

Cocco Rossi Stuart

[13-05-2011]

 
Lascia il tuo commento