Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Politica Roma
 
» Prima Pagina » Politica Roma
 
 

Urne aperte domenica e lunedì, si vota in 111 comuni del Lazio

elezioni amministrative, alle urne 700.000 cittadini della Regione

700 mila cittadini del Lazio sono chiamati al voto per rinnovare 111 amministrazioni comunali. Sarà possibile dare la propria preferenza a partire dalle 8 di questa domenica; le urne saranno aperte fino alle 22 e poi lunedì, dalle 7 alle 15. Tra le sfide politiche più importanti c'è quelle di Latina (unico capoluogo dove si vota), poi Cassino, Pomezia e Terracina. Si vota anche in cinque comuni dei castelli romani; Marino, Ciampino, Genzano, Ariccia e Rocca di Papa.

Tra le altre cittadine del Lazio dove i cittadini sono chiamati alle urne c’è la “turistica” Sperlonga, ma anche Fara Sabina, Monteleone, Sora, Colleferro, Fiano Romano, Mentana, Subiaco e Montefiascone. Nei comuni della nostra regione dove si vota l’amministrazione uscente in 19 casi e di centrodestra, in 16 di centrosinistra e nei restanti 76 al governo locale c’è una lista civica.

Il sistema di voto è di tipo “proporzionale con premio di maggioranza”. Alla coalizione del candidato a sindaco vincente è assegnato un premio di consiglieri. Per i comuni con oltre 15.000 abitanti è eletto sindaco chi ottiene la maggioranza assoluta dei voti validi. Alla lista, o alle liste collegate, viene attribuito il 60% dei seggi. È previsto uno sbarramento per quei partiti che non superano il 3% dei voti e che non appartengono ad alcun gruppo di liste che abbia superato questa soglia.

Per i comuni invece fino a 15.000 abitanti ogni candidato sindaco è collegato ad una lista di candidati a consigliere comunale. È eletto primo cittadino chi ottiene più voti, alla lista collegata sono attribuiti i due terzi dei seggi.
Il sistema prevede, per i comuni sopra i 15.000 abitanti, la possibilità di scegliere il sindaco, la lista o un consigliere, anche effettuando una scelta cosiddetta disgiunta. si può, cioè scegliere il sindaco sostenuto da una parte politica e scegliere un consigliere, per il consiglio comunale, di una lista di un altro schieramento politico

Le operazioni di scrutinio avranno inizio lunedì subito dopo la chiusura delle votazioni e l'accertamento del numero dei votanti. Per l'eventuale turno di ballottaggio, si voterà tra due settimane: domenica 29 maggio e lunedì 30.

I DATI DAL SITO DEL MINISTERO
 
 

[13-05-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE