Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Test Invalsi, la soluzione del liceo Keplero

"ragazzi influenzati dalle posizioni di molti sindacati"

Continua la protesta in decine di scuole romane contro i tagli del Ministero dell’istruzione, tramite il boicottaggio del test per la valutazione del sistema educativo di istruzione e formazione.

Siamo andati al liceo scientifico Keplero, nel quartiere Marconi, dove docenti e preside hanno deciso di svolgere comunque il test “invalsi”, pur non condividendo le scelte del ministero.

"Il problema dei tagli alla scuola è tangibile -spiega Antonio Panaccione, il preside del Liceo Scientifico Keplero-. I tagli alla scuola e alle ore li denuncio da tempo. Pensate che non ho un'ora a disposizione per coprire i ragazzi quando manca un docente. Però attenzione; non bisogna mettere insieme le due cose. Credo che il test Invalsi sia utile. I ragazzi che hanno consegnato in bianco, in altre scuole, credo siano stati influenzati dalle posizioni di molti sindacati e di associazioni di categoria che vedono queste prove come un modo per valutare la scuola, i professori ed i presidi. Che questo possa diventarlo non lo so-continua Panaccione- ma non credo sia questa l'intenzione del Ministero anche perché tutti i test sono anonimi. Credo che sapere se in generale i 147 alunni del Keplero progrediscano o meno per noi sia un dato importante".

34 docenti del Keplero, su un totale di 60, avevano firmato una delibera al collegio dei docenti contro lo svolgimento del test. Nonostante tutto, insieme al preside, si é poi deciso per la regolare esecuzione dei quiz.

Docenti e preside del keplero sono tutti d’accordo, invece, sulle critiche relative agli orari per l’esecuzione del test che, di mattina, toglie ore alle lezioni.

 
 

[12-05-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE