Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Wojtyla beato davanti ad un milione e mezzo di pellegrini

San Pietro stracolma, affollati i maxischermi

Con la tradizionale formula in latino, il Papa ha ufficialmente proclamato beato Giovanni Paolo II nel corso della solenne messa in piazza San Pietro. A Roma sono un milione e mezzo i fedeli che assistono alla cerimonia.

Benedetto XVI si è così rivolto al cardinale Agostino Vallini, vicario del Papa per la diocesi di Roma e promotore della causa di beatificazione: "Noi, accogliendo il desiderio del nostro fratello Agostino cardinale Vallini, nostro vicario generale per la diocesi di Roma, di molti altri fratelli nell'episcopato e di molti fedeli, dopo aver avuto il parere della congregazione delle cause dei santi, con la nostra autorità apostolica - ha detto il Papa - concediamo che il venerabile servo di dio Giovanni Paolo II, Papa, d'ora in poi sia chiamato Beato e che si possa celebrare la sua festa nei luoghi e secondo le regole stabilite dal diritto, ogni anno il 22 ottobre. Nel nome del padre e del figlio e dello spirito santo".

Al momento della proclamazione è scoppiato il boato della piazza, poi
un lungo applauso e ancora l'urlo "Santo subito". Ha ascoltato in preghiera Marie Simon-Pierre, suora miracolata da Giovanni Paolo II, per poi sciogliere la tensione con un sorriso e un applauso. Al suo fianco Suor Tobiana, la religiosa dell'istituto di Maria Bambina che ha assistito Papa Wojtyla fino all'ultimo giorno: insieme sono salite sul sagrato portando i due reliquiari che contengono le provette ospedaliere con il sangue che fu tolto al Papa, ricoverato al Gemelli, per le prove di compatibilità necessarie a eventuali trasfusioni. La reliquia è stata esposta ai fedeli per la venerazione.

Roma è per un giorno al centro dell'attenzione mondiale. Le immagini della cerimonia sono trasmesse in diretta in 10 lingue, fra cui anche arabo e cinese. Tantissimi, come prevedibile, i polacchi accorsi nella capitale che si aggiungono a quelli radunati a Cracovia:
un boato di applausi si è levato dall'immensa folla radunata al Santuario della Divina Misericordia a Cracovia, quando Benedetto XVI ha pronunciato la formula di beatificazione di papa Wojtyla. E' stato un tripudio di bandiere del Vaticano e bianco rosse polacche.

Ma non tutti i fedeli sono riusciti ad accedere a piazza San Pietro, dove l'eccessiva calca sta provocando numerosi malori.
Dall'inizio dell'evento infatti sono stati effettuati 408 interventi nelle tende mediche allestite dall'Ares 118 nei pressi di piazza San Pietro. Solo per 42 pazienti è stato necessario il trasporto in ospedale. Alla centrale stanno invece arrivando numerose chiamate di persone che lamentano malesseri per la calca. Una donna ha raccontato: "Alle 23 di ieri sera mi sono ritrovata in via della Conciliazione dove a un certo punto la folla è diventata incontrollabile e mi ha travolta. Sono caduta e se qualcuno non mi avesse subito tirata su mi avrebbero schiacciata e sarebbe potuta andare peggio".

Per questo motivo molti pellegrini, nonostante abbiano affrontato un lungo viaggio, hanno deciso di evitare di raggiungere San Pietro, seguendo la cerimonia davanti agli 8 maxischermi allestiti a via della Conciliazione, piazza Risorgimento, largo Giovanni XXIII, piazza Adriana, piazza dell'Esquilino, piazzale San Paolo, piazza San Giovanni in Laterano e Circo Massimo. Per quanto riguarda la viabilità nella Capitale, è stata riaperta la fermata Ottaviano della Metro A.
 
 

[01-05-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE