Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Teatro Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Teatro Roma
 
 

Anime sorelle

Fino al 15 maggio al Teatro Due una pièce delicata, intensa, poetica di Gianni Guardigli diretta da Toni Bertorelli

Numerose iniziative culturali si alternano per ricordare il centocinquantesimo anniversario dell’Unità d’Italia,  anche il teatro ha voluto onorare questa importante ricorrenza. Fino al 15 maggio sarà in scena al Teatro Due Sala Aldo Nicolaj  “Anime sorelle”. La pièce delicata,  intensa, poetica,  di Gianni Guardigli, diretta da Toni Bertorelli, nasce dal desiderio di confrontarsi con uno dei momenti più significativi e rappresentativi della storia italiana, analizzandolo attraverso tre protagoniste: Maria, una lavandaia veneta, Leandra  la cameriera di Cavour (personaggi nati dalla penna  dell’autore)  e Anita Garibaldi. “In particolare - commenta Guardigli -  mi sono chiesto  come si comportavano le donne di quegli anni di fronte al progetto di unità, in che modo vi partecipavano, in che modo vi si opponevano, come subivano la morte dei loro uomini per un ideale che non sempre capivano, mentre la fame e le necessità concrete della vita incombevano…”.
Maria,  Leandra, Anita: tre tipologie femminili che appartengono a tre diversi strati sociali e a tre diverse aree geografiche; sono tre voci che raccontano un periodo storico del nostro paese così importante e così poco considerato dal teatro e dal cinema.

Ognuno di questi  personaggi rappresenta una parte del popolo italiano di quegli anni, in cui si combatteva e si moriva per unire l’Italia. La  poverissima donna veneta  (interpretata da Michela Martini) rappresenta i vinti, coloro che in ogni caso subiscono la storia, coloro che, comunque, qualsiasi sia l'esito di una guerra o di una lotta, pagano col sangue e le lacrime il loro conto personale. La cameriera di Cavour, (Loredana Martinez) origliando dietro la porta del Conte, si illude di capire i passaggi, le motivazioni, le ragioni del progetto di unità italiana dandosi il tono di chi, facendo la spola fra "i potenti" e gli umili, si sente privilegiata ed "elevata" di rango. Infine Anita, (Barbara Chiesa)  che è entrata nei libri di storia come eroina, come mito: di lei si esplora l’aspetto umano facendo risaltare l'amore e la passione per Garibaldi e per la "causa".
La voce della "vinta" è scarna, essenziale, come lo è il sentimento  più puro (si esprime in dialetto), la cameriera di casa Cavour tentando il "salto di stile", per imitare i capi, i politici di cui sente i discorsi, finisce col parlare in un italiano grottesco infiocchettato dai toni della commedia.

Anita parla attraverso il linguaggio del "melodramma", il "linguaggio alto degli eroi".
Il Teatro Due è in Vicolo Due Macelli 37. Telefono: 06/6788259.             

Orario spettacoli: dal martedì al sabato ore 21, domenica ore 18. lunedì riposo.

[29-04-2011]

 
Lascia il tuo commento