Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Guasti metro, il piano per le emergenze

la decisione dopo i continui disagi

Atac, trambus, metro e comune di Roma tutti riuniti attorno allo stesso tavolo per mettere a punto un piano efficace da attuare in caso di interruzione, totale o parziale, del servizio delle linee della metropolitana. La decisione e’ stata adottata dopo l’ultimo black out , registrato giovedi’ scorso che e’ corrisposto ad un’altra mattinata di passione per gli utenti della metro.

6 ore di stop sulla linea a, tra le fermate di Arco di Travertino e Termini, e treni a singhiozzo sulla B, con il conseguente affollamento di banchine e vetture. Il blocco ha indotto il sindaco a creare una task force, prossima riunione il 17 aprile, che affrontera’ il problema di garantire i servizi ai cittadini in casi di emergenza, ora limitati ai bus navetta, alternativi alla metro, che pero’ non riescono a sopperire alle situazioni che si creano quando la metro va in tilt.

La gestione dell’ emergenza dovra’ essere piu’ veloce e agile. Innanzitutto l’informazione: la comunicazione con i cittadini sara’ potenziata, con tempestivi messaggi diramati grazie alle radio, agli sms, ai pannelli informativi e al personale di stazione, che oggi si limita a laconici messaggi con l’altoparlante. Informare tempestivamente e’ fondamentale ma non e’ tutto: tocchera’ poi anche a vigili urbani e protezione civile garantire la sicurezza in metropolitana , che per molti cittadini resta l’unico modo di spostarsi per evitare e non contribuire agli ingorghi del traffico, in attesa della realizzazione delle altre linee, la B1 , la C, che avra’ altri fondi dal governo e la D, ancora alla gara d’appalto.

 
 

[04-04-2007]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE