Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Thor

di Kenneth Branagh. Con Chris Hemsworth, Natalie Portman

di Svevo Moltrasio

Thor figlio di Odino è bandito dal padre che lo relega senza poteri sulla Terra. Qui troverà l’amore ma dovrà riguadagnare le fiducia del genitore per fermare il fratello traditore.

Il nuovo adattamento di un supereroe targato Marvel questa volta è ad opera di Kenneth Branagh. Il regista irlandese torna al kolossal a distanza di anni dal terribile flop FRANKENSTEIN. Nel ruolo del forzuto e biondo protagonista il semi sconosciuto Chris Hemsworth, tra i comprimari d’eccezione Natalie Portman e Anthony Hopkins.

Thor, al pari del collega Hulk, è forse uno dei supereroi più complicati per il cinema, ricco com’è di scenografie e costumi a forte rischio kitsch, con la complicata alternanza tra i mondi divini e il nostro. Branagh prende di petto il materiale e, dopo un breve prologo terrestre, inizia la scena nel mondo d’origine dell’eroe. Tra ambienti vistosamente computerizzati e armature luminose, il regista trova però un buon punto di vista, tra il fantasy e la mitologia, al servizio di una narrazione piuttosto avvincente.

Il ritorno sul nostro pianeta sconta, inevitabilmente, qualche rallentamento e l’interazione tra il protagonista e la parte femminile, con accenni di love story, sembra una scelta obbligata più che una vera idea di scrittura. Ma nel complesso Branagh dà vita ad un universo credibile e l’alternanza tra i mondi tiene vivo l’interesse fino alla fine. Poco conta che non tutte le premesse vengano mantenute – gli scontri non trovano mai una degna conclusione, alcuni personaggi risultano accessori, su tutti la squadra del protagonista –. Lo spettacolo, pur senza picchi, è servito.
 



votanti: 11
Secondo te quanti euro merita??
 
 
 

[27-04-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE