Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Laghetto dell'Eur, rifugio per i senza tetto

croce e delizia del lago di Roma

Splendore e miseria del lago più grande della capitale, quello dell’Eur. Da un lato si riqualifica e si costruiscono percorsi per il jogging, acquari e ponti per passeggiare tra leacque delle splendide casacate. Dall’altro si alza lo sguardo e si trova il degrado, che come spesso accade si sposa con un altro problema della capitale, quello dell’emergenza casa.

Molti campi nomadi vengono evacuati, gli insediamenti abusivi sgomberati ma la maggior parte delle persone che vi abitano non ha delle alternative. Basta però qualche cartone o un pezzo di lamiera e qualche telo di stoffa, per chiudere il quadrato e segnare il confine dell’abitazione di fortuna.

A costituire naturale ricovero per senza tetto i ponti che collegano le due rive della specchio d’acqua, la strada cristoforo colombo le cui due carreggiate collegano il palazzetto dello Sport con piazzale Marconi.

C’è allora chi si ingenga nel costruire suite che godono di un affaccio con vista sul lago e i verso il grattacielo Pirelli.
Chi si accontenta di una dimora meno organizzata o chi usa gli anfratti solo come depositi dove accumulare rifiuti ed escrementi.

[02-04-2007]

 
Lascia il tuo commento