Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Omicidio a Prati, confessa un uomo di settantanni

"L'ho ucciso perché non voleva pagarmi"

Ha settantanni ed ha confessato l'omicidio di Roberto Ceccarelli, l'imprenditore romano di 45 anni freddato venerdì sera a colpi di pistola davanti al Teatro delle Vittorie, in via Col di Lana, a Prati.

L'uomo si è costituito agli investigatori della Squadra mobile che lo stavano cercando, a meno di ventiquattrore dal delitto. "Gli ho sparato, poi sono fuggito e ho gettato la pistola nel Tevere", ha detto nella notte durante l'interrogatorio il settantenne.

L'omicida, ex socio di Ceccarelli, è stato ascoltato in serata dal pm Silvia Santucci, ed è in stato di fermo. Da una prima ricostruzione sembra esser stato un omicidio d'impeto, un gesto di rancore esasperato, al termine di un confronto acceso che si sarebbe protratto per ore, prima al telefono e poi nelle strade limitrofe al quartier generale della Rai.

Da anni Ceccarelli si muoveva disinvolto tra il commercio di automobili e il noleggio di barche, un piede nella compravendita di immobili e l'altro nella ristorazione. Tutto sullo sfondo dell'imprenditoria d'assalto, delle finanziarie a rischio. Ceccarelli in passato era stato coinvolto in reati di come il riciclaggio di denaro nell'inchiesta sulla Asl Rm B, aveva in tasca un assegno da 100.000 euro. La vittima aveva anche frequentazioni in ambienti del malaffare e probabilmente proprio in questo ambito aveva commesso reati finanziari. Una delle sedi delle sue società si trova nei pressi del Teatro delle Vittorie, nello stesso quartiere Prati, in via Oslavia, poco distante dal luogo dove è stato ucciso.

Visti i precedenti della vittima, sta indagando sull'omicidio anche la Direzione distrettuale antimafia romana, coordinata dal procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo, è possibile che Ceccarelli sia anche coinvolto nella "truffa" dei Parioli. "Sono infatti in corso accertamenti sugli ultimi elenchi della Egp di Gianfranco Lande per verificare se fra i Ceccarelli che compaiono nelle liste (quattro), uno sia proprio l'imprenditore ucciso".
 
 

[10-04-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE