Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Politikamente
 
» Prima Pagina » Politikamente
 
 

Niente porno in tv

che dire?

Il provvedimento dell'Authority vieterà la diffusione di immagini "porno" anche dopo la mezzanotte, ossia dopo la cosiddetta fascia protetta. Le uniche emittenti che potranno continuare saranno quelle criptate a pagamento.

Addio, dunque, alle signorine in topless (e oltre) che in molte TV locali imperversano nella fascia notturna chiedendoci di chiamare quei strani numeri con strani prefissi che costano un occhio della testa. I primi a rimetterci saranno gli adolescenti di oggi che non avranno la stessa fortuna che ho avuto io da piccolo quando, negli anni 90, le TV trasmettevano spettacolini anche più piccanti di ora...

Scherzi a parte, penso che vietare questo tipo di spettacoli e telefoni erotici sia una ipocrisia assoluta. Come prima cosa, infatti, dovrebbero prendere in considerazione ciò che va in onda durante il giorno che, secondo me, è molto più diseducativo di mille chat erotiche. E' la televisione di tutti i giorni che forma le nuove persone, che appiattisce le menti verso il basso e che infonde valori superficiali. Ritengo questa TV molto più lesiva di quella di Maurizia Paradiso e soci...
Cosa ne pensate?

L'italia che non va

 

[31-03-2007]

 
Lascia il tuo commento