Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

300

di Zack Snyder. Con Gerard Butler, Lena Headey

di Svevo Moltrasio 

Sotto la guida dell’indomito re Leonida, un centinaio di spartani combattono fino alla morte contro l’esercito persiano di Serse. Il gesto coraggioso porterà unione tra tutto il popolo greco, pronto così a scacciare via il temuto nemico.

Dopo il successo di SIN CITY, Hollywood non si lascia sfuggire l’occasione e con la stessa tecnica sforna un nuovo adattamento di una graphic novel di Frank Miller. La regia è affidata al giovane Zack Snyder, qui anche sceneggiatore, autore di videoclip e pubblicità, alla seconda regia cinematografica.

Il film mette in scena l’eroica battaglia di trecento spartani che amanti del sangue, dell’onore e della patria, morirono felicemente non prima di aver decimato le truppe persiane. L’opera ha suscitato le solite inutili polemiche sulle inesattezze storiche e lo spirito razzista con cui si descrivono i nemici, rappresentati come mostri, porci e offensivamente omosessuali.

In realtà il film è talmente ingenuo da non poter ottenere nemmeno un briciolo di credibilità. Ripetitivo oltre ogni limite, rozzo, assordante e vuoto, 300 nasconde dietro le furbizie del green screen una pochezza visiva sempre più presente e preoccupante nel cinema moderno, capace di esaltare cinefili e spettatori dalla facile suggestione e dalla piccola mente. Senza paura del ridicolo gli attori urlano dalla prima all’ultima scena, in un delirio di rallenty e corpi scolpiti, dove l’originalità non è ammessa, con tanto di rimandi a pellicole recenti di successo - su tutte IL GLADIATORE -.

 



votanti: 1
Secondo te quanti euro merita??
 
 
TAG: - snyder - butler
 

[31-03-2007]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE