Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Festival del Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema » Festival del Cinema
 
 

Il Rome Independent Film Festival 2011 volge al termine

Riff: l'ultima giornata riserva ancora molte sorprese

Giovedì 24: si aprirà con due riproposte degne di merito: il film belga Christopher Roth di Max Sender, costruito come un giallo psicologico in cui realtà e immaginazione si fondono e Cara, ti amo… di Gian Paolo Vallati, storia di quattro amici alla soglia dei quaranta che provano a capire il mondo femminile e l’impossibilità per gli uomini di comprenderne l’essenza.

Si passerà poi alla visione di L’erede di Michael Zampino, incentrato su una spirale di sospetti dovuti ad un’eredità che aprirà scenari imprevisti, e a due documentari di eccellenza quali: When China Met Africa di Marc Francis & Nick Francis, che narra dello storico incontro a Pechino fra oltre 50 capi di stato africani e le ripercussioni che si avranno sull’espansione del potere globalizzato; Diari del Novecento di Tommaso Galli, estratti di diari di trenta protagonisti o testimoni di importanti eventi del secolo scorso (da Kafka a Kurt Cobain).

Tra i lungometraggi: Dear Alice di Othman Karim, storia di quattro personaggi molto diversi tra loro i cui cammini si incrociano per una serie di circostanze e di decisioni apparentemente insignificanti che saranno determinanti per il cambiamento della loro vita verso una fine distruttiva; Black Field con regia di Vardis Marinakis, favola d’amore moderna che attraversa la sessualità, trascendendo il tempo, la religione e l’identità sessuale; La vita dispari di Luca Fantasia, si vaga in una Roma sconosciuta, in cui vivere e ricordare diventano facce della stessa medaglia.

Sguardo anche alla sezione Student short competition con la visione di Where the boys are di Bertrand Bonello, The Trip di Oded Graziani e Live Stream di Jens Wischnewski.

 
 

[23-03-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE