Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Teatro Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Teatro Roma
 
 

Cenerentola

Ha debuttato con successo al Teatro Italia la celebre fiaba portata in scena dalla compagnia del Balletto di Roma

Ha debuttato con successo l’altra sera al Teatro Italia “Cenerentola”, portata in scena dalla compagnia del Balletto di Roma, con Azzurra Schena nel ruolo della protagonista, per la regia e le coreografie di Fabrizio Monteverde, su musica di Haendel.
Si parte dalla fiaba più famosa dei Fratelli Grimm, ci si ispira alla più nota delle storie che legano ogni uomo alla sua infanzia per poi dimenticarla nell'intero coinvolgimento del balletto e ritrovarla a tratti. Nella “Cenerentola” di Monteverde è cambiata l'atmosfera, il sapore e l'ambientazione, ma i veri valori, quelli immutabili, rimangono, persistono e trionfano, non nelle esplosioni di colori o in passaggi musicali travolgenti, ridondanti e pomposi, bastano pochi tratti di riferimento e il tutto si riesce a cogliere con l'umana sensibilità. Si percepisce tra il profumo della serata, nei brividi di Händel, una malinconica tristezza che caratterizza l'oggi, svelata dalle angosce dei soprusi familiari.

Come ad immortalare una fotografia svilita dal tempo, farla rivivere, rianimare nel presente, l’atmosfera è tetra, è consapevole, ricca di travagli psicologici, di percorsi umani, di anime. Ad una prima lettura sommaria segue a tempo di danza l’introspezione, ed è proprio scavando a fondo a quella apparente semplicità che emerge “una massa tumultuosa di materiale complesso ed in gran parte inconscio. Questo crea un contrasto fra la sua superficiale semplicità e la sua sostanziale complessità, un contrasto che suscita un profondo interesse per la storia e spiega come, durante i secoli abbia conquistato milioni di persone”. C'è ingiustizia, ripristino di quell'innocenza, quell'umiltà destinata a durare per sempre. Forse si è matti nel credere ai veri valori, e soprattutto che questi possano esplodere ed esprimersi in sentimenti puri come l'amore, la felicità; tutto nello spettacolo, dalle luci ai costumi e al trucco, sino alla scarna scenografia, fa pensare ad un manicomio. Come è noto da sempre, nella tradizione teatrale solo i matti dicono la verità, questo ne è l'esempio danzato contemporaneo.

Lo spettacolo resterà in scena al Teatro Italia di Via Bari fino al 27 marzo.

Per informazioni e prenotazioni Tel. 06/44239286.

[20-03-2011]

 
Lascia il tuo commento