Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Tutti al mare

di Matteo Cerami. Con Marco Giallini, Ambra Angiolini

di Flavia D'Angelo

Una “normale” giornata di lavoro di Maurizio, titolare di un chiosco travestito da stabilimento balenare sulla spiaggia di Ostia. Tra clienti affezionati e non sempre ben accetti, consueti controlli delle Forze dell’Ordine, cognati smemorati e madri asfissianti, la giornata di Maurizio scorre via verso la sera …

Presentato dalla stampa come il remake di CASOTTO di Sergio Citti, TUTTI AL MARE ritrova di CASOTTO il co-sceneggiatore Vincenzo Cerami, che affianca qui il figlio Matteo al suo esordio dietro la macchina da presa. Del film di Citti TUTTI AL MARE ha sicuramente il cast corale ed eterogeneo: da Gigi Proietti ad Ambra Angiolini, da Marco Giallini a Ilaria Occhini fino allo stesso Cerami Senior.

Con un’operazione insieme colta e semplice Matteo Cerami gioca con equilibrio sui registri della commedia pura, della malinconia e del nonsense. Molti i meriti del cast, con un Marco Giallini fondamentale elemento di coesione del film, sempre in parte e mai eccessivamente protagonista. Importante anche il contributo (spesso trascurato) delle scenografie di Giada Calabria. In un mondo contemporaneo dove la codificazione dei generi (anche cinematografici) è al tempo stesso rassicurante e perentoria, il film di Cerami rappresenta una piacevole anomalia: un film divertente, elegante e intelligentemente ambiguo nel capovolgere alcuni stereotipi.

Si poteva temere molto dal confronto (inevitabile) con il film di Citti e, invece, TUTTI AL MARE sorprende scegliendo l’opzione più efficace e difficile: rinunciare sia alla deprimente e calcolata “operazione nostalgia” sia ai contorsionismi dell’”attualizzazione” delle vicende balneari e di vita raccontate da Citti. Matteo e Vincenzo Cerami arrivano al cuore del successo (sia pure di nicchia, ma sempre successo) di CASOTTO: la capacità di raccontare la vitalità e l’anarchia del “popolo” italiano, in un’epoca in cui la parola “omologazione” non aveva ancora alcun significato.
 



votanti: 3
Secondo te quanti euro merita??
 
 
 

[09-03-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE