Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Affittopoli, aperta commissione d'inchiesta in Campidoglio

la Procura indaga contro ignoti per abuso d'ufficio

Mentre la procura di Roma apre un fascicolo sugli immobili degli istituti di case popolari affittati o venduti a prezzi di favore il sindaco di Roma Gianni Alemanno istituisce una commissione d'inchiesta per verificare il rispetto delle procedure di alienazione del patrimonio immobiliare capitolino. È il nuovo atto dell'"Affittopoli" romana, anche il Campidoglio si muove per effettuare degli accertamenti interni.

INDAGINI - Verrà intanto effettuata entro pochi giorni dai magistrati della Procura di Roma la delega alle forze dell'ordine per l'acquisizione delle liste degli immobili assegnati da istituti di case popolari legati ad enti pubblici, come Regione e Comune. Al momento il fascicolo, affidato ai pm che lavorano sui reati "in danno della pubblica amministrazione", resta aperto a carico di ignoti: il reato ipotizzato è quello di abuso d'ufficio.

COMMISSIONE D'INCHIESTA - La commissione di inchiesta istituita dal Campidoglio avrà 90 giorni di tempo per operare ed è formata da quattro membri. Il suo compito sarà anche quello di verificare quanto gli affitti dei beni disponibili del Comune di Roma siano corrispondenti al valore degli immobili tenuto conto, però delle fasce deboli e quindi con agevolazioni. Il lavoro della commissione terrà presente anche degli sconti sul valore di vendita degli immobili.

PATRIMONIO - Il patrimonio immobiliare in locazione di Roma consta di 1.346 immobili, tra residenziale, non residenziale e pertinenziale. Di questi 527 sono alloggi, 200 pertinenze e 619 locali ad uso non abitativo. Dal 2001 ad oggi, invece, sono stati 1.140 gli immobili posti in vendita, di cui 775 effettivamente ceduti ad un valore di 150 milioni. Sono i numeri forniti oggi dall'assessore capitolino alla Casa, Alfredo Antoniozzi.

"Non c'è stato alcun dossieraggio e io non ho fornito alcun elenco: stiamo agendo solo per senso di responsabilità". - ha detto Antoniozzi che si è difeso anche dalle accuse del centrosinistra nei quali si parla di una sorta di 'operazione dossier' contro il centrosinistra operata dal Campidoglio. "Se di dossieraggio si può parlare - ha continuato Antoniozzi - è stato verso di me quando sono state dette falsità sul canone di affitto del mio ufficio in piazza Campitelli e se si continuerà a insistere su questa cosa già chiarita procederò con querele".
 
 

[04-03-2011]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE