Giornale di informazione di Roma - Domenica 25 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Politica Roma
 
» Prima Pagina » Politica Roma
 
 

Città metropolitana, ecco i delegati scelti da Marino

tre donne e tre uomini, scelti tra gli amministratori di Roma e provincia. Non percepiranno alcun stipendio

Tre donne e tre uomini, più il sindaco e il suo vice. Un team, anzi un “dream team” (così lo ha definito Ignazio Marino) formato da sette consiglieri che daranno le linee guida alla più o meno nuova Città Metropolitana, il soggetto istituzionale che rappresenta i 121 comuni della Provincia di Roma. Al vertice lo stesso sindaco della capitale che ha mantenuto anche le deleghe alla Sicurezza, ai Progetti Europei, alla Comunicazione e al Patrimonio. Sul gradino appena più basso Mauro Alessandri, 35enne sindaco del comune di Monterotondo, insegnante di lettere e incaricato anche di occuparsi del rapporto con gli enti locali, i lavori pubblici e l’edilizia scolastica. La delega al Bilancio è stata affidata a Gianni Paris, storico presidente dell’ex XV municipio e consigliere capitolino. A Marco Palumbo, consigliere della Provincia dal 2008 al 2012, attualmente membro dell’Assemblea capitolina, è andata un’altra delega importante, quella allo sviluppo economico, alle attività produttive, alla protezione civile e alla difesa del suolo.

La delega alle politiche del lavoro, alle risorse umane e alla formazione è stata assegnata a Massimiliano Borrelli, presidente del consiglio comunale di Albano. E poi le tre signore: Gemma Azuni, la battagliera esponente di Sel, ha accettato la delega allo sviluppo sociale, all’immigrazione, all’integrazione, alle pari opportunità e alla trasparenza. La consigliera capitolina Svetlana Celli  si occuperà dello sviluppo della rete della mobilità metropolitana, delle politiche giovanili e dello sport. Infine Michela Califano, presidente del consiglio comunale di Fiumicino, è stata delegata alla pianificazione e gestione ecosostenibile dei sistemi ambientali, di informatizzazione e digitalizzazione. Formata la squadra, il primo passo sarà l’approvazione del bilancio che Marino intende portare a casa entro la fine di maggio.

[30-04-2015]

 
Lascia il tuo commento