Giornale di informazione di Roma - Martedi 27 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Politica Roma
 
» Prima Pagina » Politica Roma
 
 

Ballottaggio primarie Pd, anche a Roma vince Bersani

245 seggi aperti nella Capitale. 70% dei romani sceglie Bersani

di Luca Siliquini

Il D-Day delle primarie Pd ha avuto inizio ieri alle 8 del mattino, e si è concluso alle 18, due ore prima della chiusura dei seggi. A Roma è stato registrato il voto per il 65% degli iscritti, con 696 seggi aperti nel Lazio, 245 solo a Roma. 6mila i volontari impegnati tra gazebo e sezioni di partito. I primi dati verso le ore 13:00: 115mila hanno votato in tutto il Lazio, 70mila a Roma. Non sono purtroppo mancati episodi di violenza, uno in particolare. Nella notte precedente alle primarie, ignoti hanno infatti bruciato un gazebo in piazza Euclide, nel quartiere Parioli, allestito per votare il ballottaggio.

Anche a Roma vince Bersani - La città conferma di favorire Bersani: il successo del segretario del pd nella capitale ha superato i livelli nazionali: ben il 70% dei romani lo ha scelto come leader della coalizione di centro-sinistra, mentre il sindaco di firenze non è riuscito a superare il 29,5% dei voti. Boom per Bersani nella zona della Magliana, dove ha ottenuto il 77% delle preferenze, così come nel quartiere Appio-Latino e in quello del Pigneto-Prenestino. Renzi recupera le distanze solo a roma-nord, con il 39% dei voti  in zona Cassia-Prima Porta e il 38 in quello del salario-parioli.

Per quanto riguarda la questione dei “nuovi votanti”, tra giovedì e venerdì nel Lazio erano giunte 17.847 richieste, molte delle quali però provenienti da mail “seriali” - utilizzando cioè nomi di fantasia -, inviate, a detta dei responsabili locali del Pd, dal server del sito “renziano” votodomenica.it. La stragrande maggioranza delle suddette mail è stata cestinata, sebbene in ultima analisi la commissione incaricata di controllare le domande ne ha accolte 1.849, più del 10%, una percentuale tra le più elevate d’Italia. “Le nuove iscrizioni sono state 753 a Roma, 700 in Provincia, 273 a Latina e provincia, 58 nel frusinate, 18 nel viterbese e 18 a Rieti e dintorni”, commenta in merito Francesco D’Ausilio, del Comitato “Italia Bene Comune” del Lazio.

Esempio di solidarietà nel XVIII° Municipio. Recandosi a votare per il ballottaggio tra Pierluigi Bersani e Matteo Renzi, si è anche potuto decidere di sostenere economicamente i lavoratori e le lavoratrici di Idi, San Carlo e Villa Paola, “che da mesi non ricevono stipendio e si battono contro la chiusura delle stesse strutture ospedaliere”.

[03-12-2012]

 
Lascia il tuo commento