Giornale di informazione di Roma - Martedi 27 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Politica Roma
 
» Prima Pagina » Politica Roma
 
 

Voto in Regione, alle elezioni a gennaio

dopo la sentenza del Consiglio di Stato la Polverini deve indire elezioni entro il 3 dicembre, dopo almeno 45 giorni si andrà al voto

Il Consiglio di Stato ha bocciato il ricorso presentato da Renata Polverini al verdetto del Tar e che imponeva alla presidente dimissionaria di indire elezioni entro 5 giorni. La sentenza rimette in discussione l’ipotesi dell’Election Day per il consiglo regionale del Lazio. I giudici del Consiglio di Stato impongono alla Polverini di indire nuove elezioni entro il 3 dicembre. Si voterà quindi molto probabilmente a fine gennaio: il 20 oppure il 27.

Sembra concludersi così una vicenda che va avanti ormai da fine settembre, ovvero da quando il Consiglio regionale è stato sciolto. La materia è stata analizzata da giuristi, esperti di diritto pubblico ed anche il ministro dell’Interno Anna Maria Cancellieri ha esercitato pressioni nei confronti della Polverini per non ritardare troppo la rielezione del Consiglio regionale, i cui lavori sono ormai fermi da mesi. Nonostante le pressioni dal Governo la presidente dimissionaria, l’unica a poter decidere sulla data del voto, ha preso tempo spiegando di voler ritardare la data delle elezioni per assegnare in Consiglio 50 seggi e non 70, così come previsto dal decreto approvato dal governo e che deve essere convertito in legge entro il 6 dicembre.

Il nodo sulla data del voto pare essere dunque, oltre che materia per giuristi, anche una questione prettamente politica. Dopo lo scandalo dei fondi consiliari Renata Polverini è parsa non aver alcun interesse ad andare al voto il prima possibile ma quest’ultima sentenza del Consiglio di Stato la obbliga, di fatto, ad anticipare il decreto per indire la data del voto.

Il primo ricorso al Tar contro la Regione per indire nuove elezioni subito era stato presentato dal Movimento difesa del cittadino con una memoria depositata dall'avvocato Gianluigi Pellegrino: ''E' stata sconfitta la protervia del potere –ha commentato Pellegrino- I diritti dei cittadini, i princìpi costituzionali e il buon senso della Costituzione prevalgono sempre”.

 
 

[28-11-2012]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE