Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 28 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cultura Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma
 
 

NATHALIE/ L'intervista: non vivo pił sospesa

L'artista in concerto il 29 novembre presso l'Auditorium Parco della Musica

di Rosario Sparti

Abbiamo imparato a conoscerla grazie alla quarta edizione di X-Factor, poi l'abbiamo ammirato sul palco di Sanremo dove si è esibita con la sua "In punta di piedi". Oggi, a distanza di due anni dal suo album d'esordio VIVO SOSPESA, Nathalie ritorna con un nuovo ambizioso album: ANIMA DI VENTO, pubblicato lo scorso 17 Settembre da Sony Music Italia. In occasione della presentazione dell'album, la cantautrice presenterà il suo nuovo tour con una data in anteprima (29 Novembre all'Auditorium), un live proprio nella sua citta natale: Roma. Il nuovo spettacolo – una vera e propria anteprima del nuovo tour previsto per la primavera 2014 - ci restituirà una Nathalie più intensa e grintosa: un'artista vera ormai capace di spaziare con naturalezza dalla canzone d’autore all’indie rock in un equilibrato, originale e personale mix.

Non a caso proprio il nuovo album ha visto la presenza di illustri ospiti provenienti da diversi mondi musicali: Franco Battiato (che ha duettato con Nathalie in ‘L’Essenza’), Raf (presente in ‘Sogno d’Estate’), Toni Childs (la poliedrica cantautrice statunitense che le ha regalato un cameo ne ‘La Verità’). Ne abbiamo parlato telefonicamente con lei che, ansiosa d'incontrare il pubblico, a stento riesce a trattenere l'entusiasmo.

Cosa t'aspetti da questa data all'Auditorium Parco della Musica?

Roma è la mia città, essendo cresciuta qui mi aspetto un bel calore. Ci saranno tante persone che fanno parte della mia vita, dei mie affetti, quindi sarò ancora più emozionata. Dal punto di vista musicale sarà un concerto più rock, ci tenevo dare spazio al mio lato più grintoso rispetto a quello intimistico, che è quello per cui magari mi si conosce di più.

Nathalie vive ancora sospesa?


Sicuramente rispetto al lato etereo del precedente album ora siamo più a terra. (ride, NdR). In quest'album elementi come la terra e il fuoco sono maggiormente presenti, mentre VIVO SOSPESA era più legato all'aria. Nonostante il nuovo album abbia il titolo ANIMA NEL VENTO.

Come nasce il disco?

L'intenzione era quella di definire meglio determinati aspetti della mia musica che non si erano espressi ancora in maniera chiara. C'erano degli aspetti sommersi che volevo venissero fuori, in VIVO SOSPESA c'erano alcuni brani con sonorità ruvide ma mai come in quest'album. Pezzi come "Parole forti" o "Dall'inizio alla fine" sono canzoni più nette nel loro voler essere di rottura.

Ci sono varie collaborazioni all'interno dell'album.

Sono tutti artisti molto diversi. Con Raf c'è un’amicizia, avevamo già lavorato qualche anno fa. Mi piaceva l’idea di poterlo avere dentro il progetto, lui ha subito accettato  e si è messo a disposizione. Ne è uscita fuori una cosa molto delicata. Per il brano "La verità" volevo una voce evocativa, Toni Childs mi aveva colpito fin da ragazzina con la sua grinta e così le ho proposto di collaborare. Lei si è messa in gioco e ha scritto il testo che ha cantato nell'introduzione al pezzo, un brano che  in realtà già esisteva. Per Franco Battiato invece anni fa ho aperto alcune date del suo tour, un'occasione incredibile. Siamo rimasti in contatto, anche perchè lui è sempre stato molto generoso nei miei confronti. Io ho approffitato chiedendogli alcuni consigli per il disco e da lì è nata la collaborazione. Quando si ascolta il brano, ancor prima che arrivi la sua voce, già si sente la sua presenza. I suoni elettronici introducono il suo arrivo. Sono molto contenta del suo contributo, è il sogno di una vita.

Cosa ti è rimasto dell'esperienza di Sanremo?

Sanremo è un'esperienza che mi ha molto divertito, è una settimana folle. Un'esperienza veramente intensa. Ho potuto portare qualcosa di mio, che è molto importante, e mi ha consentito di reggiungere un pubblico più vasto. E' stata la consacrazione della mia esperienza come cantautrice.

Il mix tra ballate pianistiche e rock che contraddistingue il tuo album fa inevitabilmente pensare a Tori Amos. E' un tuo modello? Ci sono altri musicisti che ammiri particolarmente o che in questo momento ti piace ascoltare?

Lei l'ho ascolta molto, non si può negare. Sicuramente oltre a Tori Amos ci sono molti altri artisti che amo molto: Kate Bush, Fiona Apple, Joni Mitchell, Pj Harvey, Cat Stevens. Il Cat Stevens degli anni '70 è una delle mie più grosse influenze. In questo periodo invece ho ascoltato relativamente poca musica, ho avuto maggior bisogno di concentrarmi su quello che volevo tirar fuori in questo album. E' normale però che quelli che sono stati gli ascolti della mia vita siano confluiti nella musica.

Rifaresti X-factor?

E' stata un'esperienza un po' atipica nel mio percorso musicale ma lo rifarei. Anche nelle sue difficoltà è stata un' occasione che mi ha portato a tante possibilità che altrimenti non avrei potuto avere. Devo dire che è stato faticoso ma molto intenso. Devo molto a X Factor. Mi è capitato di vedere qualche puntata ma l'emozione di vedere i concorrenti rendeva la visione troppo intensa, finivo per identificarmi troppo con i ragazzi. Devo dire però che è interessante e un po' strano vedere dall'esterno il proprio vissuto.

Auditorium Parco della Musica
venerdì 29 novembre 2013
Viale Pietro De Coubertin, 30
Ingresso 15 euro

Prevendite attive su Listicket: Acquista qui

[27-11-2013]

 
Lascia il tuo commento