Giornale di informazione di Roma - Domenica 04 dicembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Mostre Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Mostre Roma
 
 

Essere nel Tempo: Gillo Dorfles

fino al 17 aprile al Macro

Fino al 17 aprile il MACRO in via Nizza espone una vasta collezione di opere dell’artista e critico Gillo Dorfles.
 L’esposizione  curata da Achille Bonito Oliva, include oltre 100 opere, alcune delle quali recenti ed  inedite come i tre dipinti  realizzati nell’estate 2015, e i disegni, le opere grafiche e ceramiche  risalenti alla fondazione del Movimento per l’Arte Concreta. In mostra, anche documenti originali come corrispondenze e cataloghi storici delle prime esposizioni degli anni Trenta. In aggiunta alle opere 2 sezioni completano il percorso artistico e personale di Dorfles.

La prima "Istantanee" raccoglie un ricchissimo repertorio fotografico e il corpo inedito dei carteggi che testimoniano il dialogo, l’amicizia e le affinità elettive di Dorfles con alcuni degli artisti e intellettuali più significativi del Novecento.  Scritti autografi, lettere, appunti e annotazioni. E le poesie degli anni Quaranta, apprezzate da amici come Saba e Montale, ma rimaste a lungo nel cassetto.
La seconda sezione "Previsioni del tempo" rivela lo sguardo di Dorfles sulle trasformazioni, mutazioni e stratificazioni apparentemente impercettibili  della realtà delle cose sotto l’influenza del tempo.

Sempre focalizzato sugli sviluppi dell'arte e delle estetiche contemporanee, gli oltre trenta volumi dati alle stampe nell'ultimo mezzo secolo: dall'ormai fondamentale "Il divenire delle arti" a "Le oscillazioni del gusto", da "Il Kitsch" a "Nuovi riti nuovi miti", per non dimenticare il bellissimo "L'intervallo perduto" rappresentano importanti contributi critici ed analitici che non tralasciano alcun settore del vivere sociale, dalla pubblicità al disegno industriale, dalla moda alla fotografia oltre che certamente l'arte contemporanea.                       

Nunzia Castravelli


MUSEO MACRO http://www.museomacro.org



 
 

[29-02-2016]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE