Giornale di informazione di Roma - Lunedi 26 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Mostre Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Mostre Roma
 
 

L'assemblage di LOUISE NEVELSON

in esposizione alla Fondazione Roma fino a luglio

di Nunzia Castravelli


Fino al 21 luglio  Fondazione Roma  ospita Louise Nevelson,  esposizione dedicata alla scultrice americana di origini russe Louise Berliawsky Nevelson (1899 - 1988).

 Organizzata dalla Fondazione Roma-Arte-Musei con Arthemisia Group - in collaborazione con la Nevelson Foundation di Philadelphia e la Fondazione Marconi di Milano – la mostra vede esposte 70 opere  attraverso le quali si racconta l’attività dell'artista russa, a partire dai disegni e dalle terrecotte degli anni Trenta, attraverso gli assemblage in legno dipinto degli anni '50 e i capolavori degli anni '60 e '70, fino alle significative opere della maturità degli anni '80, tutte provenienti da importanti collezioni nazionali ed internazionali.

Emigrata con la famiglia in America nel 1905, Louise Nevelson si sposa a soli 17 anni.  Donna volubile e dal carattere difficile ha  un percorso artistico abbastanza lento.  Dovrà aspettare molti anni prima di vedere il suo lavoro riconosciuto a livello internazionale: la svolta arriverà nel 1986 con la collettiva Qu’est-ce que la Sculpture Moderne?, presso il Centre Georges Pompidou a Parigi,  che la consacra  tra i più grandi scultori della sua epoca. L’artista seguita a lavorare sino alla sua scomparsa, sopravvenuta a New York il 17 aprile del 1988, mentre le sue opere vengono acquisite da noti musei e collezionisti privati negli Stati Uniti e nel mondo.

Nella scultura del secolo scorso la sua opera occupa un posto di particolare rilievo, collocandosi tra quelle esperienze che, dopo le avanguardie storiche del Futurismo e del Dada, hanno fatto uso assiduo del recupero dell’oggetto e del frammento con intenti compositivi.

Con questa mostra Museo Fondazione Roma conferma il proprio impegno per la diffusione della cultura internazionale, offrendo la possibilità di avvicinarsi a realtà meno note al grande pubblico, ma non per questo meno importanti per lo sviluppo dell’arte del ventesimo secolo.

[03-06-2013]

 
Lascia il tuo commento