Giornale di informazione di Roma - Domenica 25 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Fisco & finanza
 
» Prima Pagina » Fisco & finanza
 
 

Ai nastri di partenza il modello 730 per i redditi del 2012

A cura di Massimiliano Casto- Tributarista e Consulente del Lavoro.

Si avvicina il periodo in cui tantissimi contribuenti hanno l’obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi per l’anno d’imposta 2012. Tra l’altro, sono ormai milioni quelli che optano per  la presentazione del famoso 730 - siano essi dipendenti che pensionati - perché vogliono usufruirne dei vantaggi, sia per il rimborso veloce sia per la facilità di compilazione. Inoltre quest’anno, nel nuovo modello 730/2013, compaiono una serie di novità introdotte dalle ultime manovre economiche, leggi di stabilità, e norme varie, che avranno impatto non solo nella determinazione del reddito imponibile - e quindi delle tasse irpef da versare - ma anche delle modalità di compilazione del 730.
Vediamo le principali novità contenute nel modello 730 relativo al periodo d’imposta 2012:
Chi può utilizzare il 730
Possono utilizzare il modello 730 i contribuenti che nel periodo d’imposta di presentazione sono:

  • pensionati o lavoratori dipendenti compresi coloro per i quali il reddito è determinato sulla base della retribuzione convenzionale: per esempio, i dipendenti italiani inviati all’estero per lavoro;
  • contribuenti che percepiscono indennità sostitutive di reddito di lavoro dipendente quali il trattamento di integrazione salariale, l’indennità di mobilità, ecc;
  • soci di cooperative di produzione e lavoro, di servizi, agricole e di prima trasformazione dei prodotti agricoli e di piccola pesca;
  • sacerdoti della Chiesa cattolica;
  • soggetti impegnati in lavori socialmente utili;
  • produttori agricoli esonerati dalla presentazione della dichiarazione dei sostituti d’imposta (modello 770 semplificato e ordinario), Irap e Iva.

Entro quando si presenta
I termini per la presentazione del modello 730 per i redditi prodotti nel 2012 sono:

  • entro il 30 aprile se il modello è presentato al sostituto d’imposta;
  • entro il 31 maggio se il modello è presentato al Caf o a un professionista abilitato.

Le novità  nella compilazione del modello 730 di quest’anno:

  • Per le spese relative ad interventi di recupero del patrimonio edilizio sostenute dal 26 giugno 2012 al 30 giugno 2013 la detrazione d’imposta è elevata dal 36 al 50 per cento, nel limite di spesa di 96.000 euro. La stessa detrazione è estesa agli interventi necessari alla ricostruzione o al ripristino dell’immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi, se è stato dichiarato lo stato di emergenza.
  • Da quest’anno, non è più prevista la possibilità, per i contribuenti di età non inferiore a 75 e 80 anni, di ripartire la detrazione, rispettivamente, in 5 o 3 quote annuali. Tutti i contribuenti devono ripartire l’importo detraibile in 10 quote annuali.
  • I redditi di lavoro dipendente prestato all’estero in zone di frontiera, imponibili ai fini Irpef per la parte eccedente 6.700 euro, vanno evidenziati indicando il codice 4 nella colonna 1 (tipologia reddito) dei righi da C1 a C3. Nella colonna 3 (reddito) va riportato l’intero ammontare dei redditi percepiti, comprensivo della quota esente. Chi presta l’assistenza fiscale terrà conto, per l’anno 2012, della sola parte di reddito eccedente 6.700 euro, mentre per il calcolo dell'acconto Irpef dovuto per il 2013 verrà considerato l’intero ammontare del reddito percepito.
  • La detrazione del 55 per cento, relativa agli interventi finalizzati al risparmio energetico degli edifici, è prorogata al 30 giugno 2013 ed è estesa anche alle spese per interventi di sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria.
  • I contributi sanitari obbligatori per l’assistenza erogata nell’ambito del Servizio sanitario nazionale versati con il premio di assicurazione di responsabilità civile per i veicoli sono deducibili dal reddito complessivo solo per la parte che eccede 40 euro.

 

 
 

[21-04-2013]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE