Giornale di informazione di Roma - Giovedi 29 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Fisco & finanza
 
» Prima Pagina » Fisco & finanza
 
 

Il nuovo Redditest per verificare redditi e spese

a cura di Massimiliano Casto - Tributarista e Consulente del Lavoro

Tanti contribuenti, in questi giorni, oltre ad essere bombardati da notizie di nuove tasse, nuovi adempimenti e nuovi obblighi in materia di tasse e tributi, sono preoccupati dagli annunci dell’Agenzia delle Entrate circa l’introduzione del nuovo sistema di verifica dei redditi dichiarati al Fisco: stiamo parlando del ReddiTest. Vediamo di cosa si tratta.
Il ReddTest, messo a punto dagli esperti dell’Agenzia delle Entrate, è un software che consente ai contribuenti di valutare la coerenza tra il reddito familiare e le spese sostenute nell'anno. In pratica, questo sistema consente di testare i redditi dichiarati e capire se supereranno l’esame del redditometro o se determineranno un accertamento fiscale.

Dopo la compilazione on line del modulo di test, sarà possibile verificare la coerenza della propria dichiarazione dei redditi con il tenore di vita sostenuto e quindi misurare la compatibilità tra il reddito familiare complessivo e le spese sostenute. Se lo scostamento tra la situazione reddituale dichiarata e quella presunta col redditometro supera il 20%, scattano i controlli automatici.

Come si compila 
Nel ReddiTest devono essere inizialmente indicati la composizione, il reddito e il comune di residenza della famiglia, e, successivamente, le spese sostenute nell'anno, suddivise in 7 categorie: abitazione, mezzi di trasporto, assicurazioni e contributi; istruzione, tempo libero e cura della persona; altre spese significative, investimenti immobiliari e mobiliari. E' possibile in qualsiasi momento modificare o integrare le informazioni riportate. Per utilizzare tale programma è necessario scaricare il software e inserire i dati richiesti. Le informazioni, quindi, restano sul proprio computer, senza lasciare alcuna traccia sul web. Inoltre il risultato e i dati inseriti possono essere salvati e stampati.

Cosa accade alla fine della compilazione 
Se alla fine si accende una luce verde, significa che il risultato risulta coerente con la nostra dichiarazione dei redditi e non ci saranno ulteriori verifiche. Se la luce è rossa, significa che il proprio tenore di vita è superiore al reddito dichiarato è si potrà incorrere in una verifica fiscale da parte dell’Agenzia delle Entrate.

In caso di verifica degli ispettori
Nel caso che il redditest indichi una situazione incoerente, per contrastare una spiacevole di verifica dal parte dell’Agenzia delle Entrate, sarebbe opportuno che il contribuente annotasse e conservasse tra i propri documenti qualunque entrata ottenuta legittimamente, ma che non va dichiarata al fisco. In caso di contraddittorio con il Fisco - e quindi con gli funzionari dell’Amministrazione Finanziaria - oggetto del chiarimento, infatti, non saranno solo i redditi dichiarati, ma tutta una serie di informazioni che non risultano in possesso del Fisco.
 
 

[16-02-2013]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE