Giornale di informazione di Roma - Martedi 27 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Corruzione e peculato, arrestato il sindaco di Marino

Fabio Silvagni, primo cittadino del comune alle porte di Roma, stato arrestato insieme ad altre quattro persone

Corruzione e peculato. E’ con queste accuse che il sindaco di Marino, Fabio Silvagni, è stato arrestato dai Carabinieri del Gruppo di Frascati. Con lui, altre 4 persone, un dipendente comunale e tre imprenditori, sono agli arresti domiciliari. Secondo le indagini partite a Giugno dello scorso anno -dirette dal Procurare della Repubblica di Velletri Francesco Prete- e supportate da intercettazioni e registrazioni, il primo cittadino sarebbe stato protagonista di vari episodi illeciti, con appalti pilotati, scambi di favori e tangenti. Il fine principale sarebbe stato accrescere il suo consenso elettorale.

In particolare, avrebbe concesso illecitamente il cambio di destinazione d’uso di un immobile per favorire l’apertura di una sede di una catena di ristorazione. Per aprire l’attività, gli imprenditori avevano bisogno che il loro locale da artigianale divenisse commerciale. Un favore che il sindaco sarebbe riuscito a concedere grazie alla collaborazione di un dipendente comunale. In cambio Silvagni, avrebbe chiesto l’assunzione di una ventina di persone da lui segnalate e somme di denaro, pervenute sotto forma di sponsorizzazione di eventi organizzati dal comune.
L’immobile oggetto dell’indagine, del valore commerciale di 3 milioni di euro,  è stato posto sotto sequestro.
Ma ci sono anche altri episodi di corruzione contestati: uno è una tangente su un appalto per l’esecuzione di alcuni lavori pubblici. Silvagni avrebbe pilotato l’affidamento dei lavori a vantaggio di un imprenditore, al quale, poi, avrebbe chiesto una tangente pari al 3% dell’importo.  Al sindaco viene poi contestato di fare pressioni su imprenditori edili locali per fargli finanziare feste e sagre, prospettando loro il diniego  di permessi in caso di mancata adesione alle sue richieste. Tra le accuse, infine, c’è quella di peculato. In più occasioni si sarebbe appropriato della disponibilità di carburante dei mezzi comunali a proprio vantaggio.

[09-04-2015]

 
Lascia il tuo commento