Giornale di informazione di Roma - Domenica 25 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Scoperta tratta di schiavi da Buenos Aires a Roma

transessuali argentini vittime di un'organizzazione criminale. 11 arresti

Resi schiavi. Usati per fare denaro, costretti a prostituirsi, costantemente controllati con violenze fisiche e psicologiche.
Era questa la vita di alcuni transessuali argentini, vittime di un’organizzazione internazionale scoperta dai carabinieri del gruppo di Frascati. 11 gli arresti compiuti, a vario titolo, per tratta di esseri umani, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina,  sfruttamento della prostituzione e spaccio di stupefacenti.

I giovani venivano reclutati in Argentina, ospitati a Buenos Aires. Tramite alcuni medici compiacenti, i ragazzi venivano sottoposti a interventi di chirurgia e trattamenti ormonali, per poter poi essere avviati al mercato del sesso. Da circa 10 anni l’organizzazione portava a Roma le vittime, impiegate anche a Ostia e Pomezia. L’organizzazione sequestrava i passaporti, imponeva ai ragazzi dove vivere e lavorare, quanto guadagnare e forniva anche cocaina da usare poi con i clienti. Ogni transessuale riusciva a guadagnare in media 700 euro al giorno, denaro che poi finiva nelle tasche dei referenti locali e in Argentina, tramite i money trasfert. Dalle indagini è emerso che una delle vittime non ha retto al calvario, togliendosi la vita. Ma un’altra ha invece trovato il coraggio di parlare, facendo poi partire le attività del nucleo investigativo di Frascati e della direzione distrettuale antimafia. Le indagini, cominciate nel 2011 hanno permesso di accertare almeno 20 vittime. Le operazioni dei carabinieri sono pero’ ancora in corso e stanno coinvolgendo anche altre province italiane.





[19-03-2015]

 
Lascia il tuo commento