Giornale di informazione di Roma - Venerdi 30 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Sfratto a via Anzio, soluzione in extremis per famiglia in difficoltà

la coppia di 36 e 37 anni con tre figli piccoli, a causa di un incidente non riusciva più a pagare l'affitto

Si è conclusa con un lieto fine la storia di Roberta e di suo marito. La coppia, di 36 e 37 anni con tre figli piccoli al seguito questa mattina è stata sfrattata dall’appartamento di via Anzio, in zona Arco di Travertino. Dopo l’incidente accorso al marito, che gli ha fatto perdere il lavoro, la famiglia non era più riuscita a pagare l’affitto.

"Purtroppo mio marito ha subito un grave incidente a settembre. -spiega Roberta-. Ha avuto, gli arti inferiori, il bacino ed il femore fratturato e solo ora sta riprendendo a camminare. Io sono infermiera odontoiatrica ma ho un bambino di tre mesi e non ho potuto riprendere subito il mio lavoro. Per fortuna ho delle persone che si sono occupate di noi e li ringrazio sperando che possa essere di incentivo per gli altri che si trovano nella nostra stessa situazione".

Questa mattina, intorno alle 12:00, è arrivato lo sfratto con tanto di forza pubblica mentre i movimenti di lotta per la casa manifestavano in strada, con un picchetto anti-sfratto. Alla fine, grazie anche all’intervento di alcuni parlamentari Sel e del Campidoglio, è stata trovata una soluzione d’emergenza, che sarà però provvisoria. Per il momento la famiglia potrà restare unita.

"Dal Comune ci hanno detto che più che una casa di accoglienza per me ed i miei figli non potevamo ottenere. -continua Roberta-. Oggi per fortuna è arrivato un appartamento e probabilmente arriverà anche un sussidio, almeno fino a quando mio marito non riprenderà a lavorare".

Dopo lo scandalo di mafia capitale, la crisi economica e la cronica carenza di fondi destinati al sociale, nella nostra città è sempre più dilagante il problema delle famiglie che non possono permettersi un alloggio. Il Piano Casa del ministro Lupi pare non tutelare adeguatamente chi, incolpevolmente, non è più in grado di permettersi un affitto.

"Il cosiddetto decreto Lupi ha costruito questo fondo per morosità incolpevole. -spiega Andrea Alzetta dei Movimenti di Lotta per la Casa-, ma non tutela affatto chi non riesce a pagare l'affitto ed ha ad esempio malattie gravi o ha perso il lavoro". "Questo decreto Lupi non funziona come dovrebbe, -dice Adriano Zaccagnini, Parlamentare Sel-, questa mattina ne abbiamo avuto l'esempio lampante, per fortuna che siamo intervenuti".

[10-03-2015]

 
Lascia il tuo commento