Giornale di informazione di Roma - Lunedi 26 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Delibera sul patrimonio, polemica tra la maggioranza

striscione dei dipendenti di Eur Spa. "No alla vendita del patrimonio"

Continuano le polemiche sull’approvazione della delibera sull’alienazione del Patrimonio del Comune di Roma. L’aula Giulio Cesare ha dato infatti l’ok definitivo alla norma che consente di valorizzare una parte del patrimonio immobiliare del Campidoglio. Un modo per fare cassa e, a detta di Marino, anche reinvestire i proventi in manutenzione urbana ed housing sociale. L’alienazione dei 600 appartamenti e negozi individuati dalla delibera dovrebbe fruttare al Comune circa 300 milioni di euro.

Dopo il voto in aula però, la maggioranza non appare compatta. A causa dell’astensione di Sel, non sono infatte mancate le polemiche. “E’ stata una mancanza di rispetto nei confronti dei colleghi. Bisogna imparare ad essere leali” – ha detto il capogruppo Pd, Fabrizio Panecaldo. “Una delibera utile alla città ma che poteva essere migliorata ulteriormente”, Gianluca Peciola, capogruppo di Sel, ha motivato così l’astensione.
A proposito di Patrimonio pubblico, da giorni si parla di alienazione degli immobili Eur Spa, la società partecipata dal Ministero del Tesoro e dal Comune di Roma è in gravi difficoltà economiche dopo la mal gestione degli anni passati.
I dipendenti di Eur Spa hanno oggi esposto uno striscione su viale Civiltà del Lavoro, esprimendo la loro contrareità all’ipotesi di vendita degli immobili di pregio. La cessione di alcuni gioielli di famiglia da parte di Eur Spa sarebbe un sacrificio necessario per completare l’infinito cantiere della Nuvola di Fuksas.

[02-03-2015]

 
Lascia il tuo commento