Giornale di informazione di Roma - Venerdi 30 settembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Incendio in un appartamento a Pomezia, muore donna di 43 anni

una sigaretta accesa probabilmente all'origine del rogo

Si è probabilmente addormentata con una sigaretta accesa. Da quel mozzicone è poi partito il violento incendio che ha devastato l’appartamento al sesto piano in via Singen, in una palazzina di 13 piani in un quartiere popolare della cittadina alle porte di Roma.

Per la donna di 43 anni, Stefania Di Marco, non c’è stato nulla da fare, è morta nella sua camera da letto a causa dei fumi tossici inalati. Le fiamme si sono propagate nel cuore della notte e a dare l’allarme al 115 è stato un vicino di casa. Sul posto sono quindi intervenuti i Vigili del Fuoco che hanno domato le violente fiamme che già si erano propagate in tutto l’appartamento.

I due genitori della vittima sono riusciti a mettersi in salvo in tempo, hanno riportato lievi intossicazioni per le inalazioni da fumo. I Vigili del fuoco hanno terminato le operazioni di spegnimento solo intorno alle 8:00 di questa mattina. Lo stabile di 13 piani è stato inizialmente sgomberato e dopo le verifiche di agibilità gli abitanti sono stati fatti rientrare nei propri appartamenti. Il corpo della vittima è stato messo a disposizione dell’Autorià giudiziaria ed è stata disposta una autopsia. I Pompieri, durante i primi sopralluoghi, hanno ritrovato le tracce di una sigaretta, probabilmente dimenticata dalla donna, e da cui si sono poi propagate le fiamme.

[03-02-2015]

 
Lascia il tuo commento